• 19 Giugno 2021 16:32

Giornata  intensa e ricca di spunti  quella del Movimento Nazionale per la Sovranita’   
Il segretario Gianni Alemanno e il neo eletto Presidente Roberto Menia ex sottosegretario all’ambiente hanno aperto i lavori dell’Assemblea Nazionale  onde per procedere alle votazioni necessarie per  il riassetto politico del partito. Pertanto nuovo Esecutivo Politico  e nuovi ingressi sia nella Direzione Nazionale che nell’Assemblea Nazionale.

Il Segretario di Mns Gianni Alemanno , il commissario provinciale di Lucca Marco Santi Guerrieri
Il senatore Claudio Barbaro

All’assemblea presente anche il Senatore Claudio Barbaro nostro eletto nelle liste della Lega che ha assunto l’incarico per i Rapporti Istituzionali

MNS: assemblea partito sovranista di Alemanno nomina cariche


 All’ordine del giorno l’impegno del Movimento Nazionale a lavorare sul territorio per cancellare la spaccatura che queste elezioni  politiche  hanno causato fra  nord e il sud con il binomio Lega / M5S.  Non dimentichiamo  il grande bluff che il M5S ha messo in atto nel mezzogiorno d’Italia e che solo forze politiche ben radicate sul territorio come MNS possono combattere e ridurre a percentuali meno bulgare a tutto favore di Lega e di tutto il CDX.

Alemanno: «Centrodestra al governo o voto». Menia eletto presidente del Mns


Gli interventi hanno fatto emergere la necessita’ di non vincolarsi necessariamente alla Lega di Salvini  . Ciò salvo  non sia lui stesso  a riconoscerci un ruolo adatto in un contesto più ampio e di respiro nazionale. Ruolo dovuto non solo per l’impegno  elettorale prestato da #Mns a Matteo  Salvini senza per altro chiedere assolutamente niente in cambio, ma soprattutto quale  partito politico il nostro  capace di rigenerare quel tessuto politico che  tenne in alto i valori della Destra Nazionale .

Stop all’approvazione del bilancio europeo e Destra Sociale per debellare il M5S in meridione.

Ci pare sostanziale infatti come asserito anche dal segretario Alemanno su Libero ,  che per sottrarre  il Meridione all’egemonia del M5S dando un nuovo radicamento alla lega in questi territori, occorra trasferire sulla leaderschip di Salvini lo storico radicamento della Destra Sociale nel Sud d’Italia.

Giorgio Almirante , un preveggente.

Perche’ Destra Sociale : ” Il ciclo politico di Fratelli d’Italia e’ sulla strada di un inevitabile declino. Dal 2013 ad oggi in cinque  anni di peripezie , il partito di Giorgia Meloni  ha cambiato ben tre volte  il  proprio simbolo politico, mettendo nel cassetto definitivamente il valori inalienabili  del  Movimento Sociale Destra Nazionale  prima e l’esperienza di  AN dopo.
La pseudo Destra Meloniana  ha rinnegato la propria storia ( dopo averla letteralmente usata unicamente per scopi elettorali e di visibilità)  nel tentativo di diventare il partito della nazione e il partito degli italiani.

 Molti dirigenti di MNS hanno avuto militanza attiva in FDI . Infatti il movimento della Giorgia Meloni  nacque in area CDX , ma  legato alla falsariga dei principi cari al MSI di  Giorgio Almirante.   Bramosia di potere e poltrone  hanno fatto si che FDI  divenisse in un  brevissimo lasso di tempo, un  movimento fortemente saldato alla leadership di Berlusconi ed a tutto l’entourage degli ex forzisti di FI. Ciò ha disatteso  le aspettative dell’elettorato di Destra che oggi si trova non solo tradito , ma  orfano di un depositario politico della proprio storia  che certamente non puo’ essere riposta nelle mani della Lega e di Salvini.

#MNS

Oggi piu’ che mai la nostra eredita’ storica va mantenuta ,rafforzata e  modellata sulle  nuove esigenze del momento , per questo il Movimento Nazionale per la sovranità  si esplicita fortemente in quella direzione.

All’assise Romana  del 5 di Maggio presente anche parte della delegazione Toscana di MNS  con il Coordinatore regionale Marcella Amadio  e i commissari provinciali  di Lucca con Marco Santi Guerrieri, Grosseto con Lucia Morucci,  Arezzo con  Cristiano Romani, Prato con Sebastiano Campo.  Restando sul territorio Toscaoa a breve i nomi dei neo eletti  nell’assemblea Nazionale e nella direzione Nazionale del partito nonchè  l’organigramma  completo dei  rappresentanti provinciali attualmente in carica.

 Marco Santi Guerrieri
Commissario Provinciale Mns Lucca

Ti invitiamo sui nostri gruppi del territorio ad iscriverti e dire la tua.

 Lucca Ti Voglio Bene

 

Terranostra

 

Prima Gli Italiani

 

 

     Criminalità Massima Allerta e Segnalazioni.

Marco Santi Guerrieri

Il 16 di Dicembre 2012 Marco Santi Guerrieri aderisce alla adunata di Giorgia Meloni per la costituzione di un nuovo soggetto politico e su incarico della stessa nel Gennaio 2013 costituisce a Lucca il primo circolo territoriale di Fratelli d'italia della Toscana. Il 10 Gennaio 2017 Marco Santi Guerrieri a seguito di forzature per l'ingresso nel partito di soggetti indegni di esserne tesserati e del diniego ad indire gli auspicati congressi provinciali di FDI concordati con il commissario regionale si dimette da : Segretario provinciale di FDI, da dirigente nell'assemblea Nazionale e Responsabile Nazionale Dipartimento Immigrazione e Sicurezza. Nel Giugno 2018 da drigente provinciale di MNS ( Movimento Nazionale per la Sovranità) aderisce alla Lega. Nel 2019 su richiesta del commisssario provinciale di Lega e' candidato alle amministrative del comune di Capannori dove sfiora il risultato per soli 5 voti risultando primo dei non eletti. Nel 2020 prosegue l'attività sul territorio in Lega. Nel 2021 prosegue incessante l'attività politica in Lega in prospettiva delle amministrative di Lucca 2022