Sulla legge elettorale la condizione di Fratelli d’Italia è una: abolizione delle liste bloccate

DiMarco Santi Guerrieri

Gen 20, 2014

«Fratelli d’Italia è disponibile a votare qualunque sistema elettorale di buon senso ad un’unica condizione: l’abolizione delle liste bloccate. La legge Calderoli è un “porcellum” perché impedisce agli italiani di scegliersi il parlamentare. Non ci interessano soglie di sbarramento o altro, possono fare quello che vogliono, ma per fare una legge decente chiediamo ci sia un voto di preferenza, che fa contare il popolo e non fa decidere tutto alle segreterie di partito. Mi chiedo come si possa anche solo avere la faccia di ripresentarsi con un’ipotesi di liste bloccate e spacciarla come innovativa. Costruire un sistema nel quale ci sono due partiti che decidono tutto e, all’interno di questi partiti, due o tre persone persone che decidono tutto è sinistramente lontano dal mio concetto di democrazia. Primarie la soluzione? Nel caso dovrebbero essere primarie normate per legge, perché in quelle ‘fai da te’ sono sempre i partiti di decidere. Tuttavia qualcuno dovrebbe rispondere alla mia domanda: perché primarie si e preferenze no se il meccanismo è lo stesso?».

È quanto ha detto ai microfoni di Gr Parlamento nel corso della trasmissione “60 minuti” il presidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

«Non ci sarebbe nessuna modifica o innovazione del sistema elettorale se oggi anche chi interpreta “il nuovo”, come Matteo Renzi, riproponesse come sembra, le liste bloccate. La logica del segretario Pd e di Denis Verdini è semplice ed è la stessa di Berlusconi nel 2005 e della Regione Toscana ha inventato questo sistema elettorale: se i parlamentari li nomino io rispondono a me e dunque fanno quello che io gli dico di fare; se i parlamentari si fanno eleggere sono legati al loro elettorato e quindi non faranno necessariamente i miei interessi perché ne risponderanno al territorio», ha spiegato il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera.

20 gennaio 2014

Marco Santi Guerrieri

Il 16 di Dicembre 2012 Marco Santi Guerrieri aderisce alla adunata di Giorgia Meloni per la costituzione di un nuovo soggetto politico e su incarico della stessa nel Gennaio 2013 costituisce a Lucca il primo circolo territoriale di Fratelli d'Italia della Toscana. Il 10 Gennaio 2017 Marco Santi Guerrieri a seguito di forzature per l'ingresso nel partito di soggetti indegni di esserne tesserati e del diniego ad indire gli auspicati congressi provinciali di FDI concordati con il commissario regionale si dimette da : Segretario provinciale di FDI, da dirigente nell'assemblea Nazionale e Responsabile Nazionale Dipartimento Immigrazione e Sicurezza. Nel Giugno 2018 da dirigente provinciale di MNS ( Movimento Nazionale per la Sovranità) aderisce come sostenitore nella Lega. Nel 2019 su richiesta del commissario provinciale di Lega e' candidato alle amministrative del comune di Capannori dove sfiora il risultato per soli 5 voti risultando primo dei non eletti. Nel 2020 Guerrieri, presidente della Libera Associazione Cittadina di Lucca Ti Voglio bene (anp) , mantiene attiva la tessera con Lega Nel 2021 Guerrieri, presidente della Libera Associazione Cittadina di Lucca Ti Voglio bene (anp), rinnova per l'anno in corso la tessera con Lega . MARCO SANTI GUERRIERI: " VI RICORDO l'appuntamento per le elezioni amministrative per il COMUNE DI LUCCA 2022 dove saro' candidato al consiglio comunale con il centro destra. Ricordatevi soprattutto di chi per Lucca in fatto di Sicurezza, Immigrazione, Rom e dedicandosi al Commercio, alle piccole imprese e ai problemi dei quartieri cittadini ci ha MESSO LA FACCIA con i FATTI e non con le chiacchiere. Vi aspetto.

Lascia un commento