Marco Santi Guerrieri – L’immigrazione non e’ un diritto.

cropped-b.jpg
Prima gli Italiani ,                                             Articolo in aggiornamento continuo.

Marco Santi Guerrieri, “L’immigrazione non e’ un diritto, ma un contratto fra chi chiede di entrare in uno stato straniero e lo stato ospitante.”
In qualunque stato degno di tal nome, i benefici dei servizi sociali,sanitari,per l’impiego,spettano prioritariamente prima ai propri cittadini e poi agli altri.
Per fare un esempio tanto caro alla Giorgia Meloni ” In un azienda gli utili si distribuiscono fra gli azionisti e non fra i passanti.” I cittadini sono gli azionisti dello stato, con la loro storia,lavoro,sacrificio,hanno contribuito alla sua costruzione ad iniziare dai servizi sociali , servizi sociali hai quali prioritariamente ogni cittadino italiano ha diritto , poi purtroppo immancabilmente disatteso a favore dall’orda degli “ultimi” che quotidianamente e senza chiederci il permesso invadono il nostro paese.

E’ ora di sfatare alcuni miti nostrani in fatto di immigrazione, un immigrato non e’ un profugo. Chi e’profugo fugge la guerra , chi migrante migra verso condizioni di vita migliori e quindi per ragioni economiche. Ed e’ mai possibile che i profughi siano solamente islamici quando sappiamo bene esserci milioni di cristiani perseguitati che difficilmente troverebbero solidarietà nei paesi Mussulmani. Svegliamoci gente , non e’ la stessa cosa avere in casa un milione di mussulmani anzichè un milione di cristiani, non fosse altro ai fini del mantenimento della nostra identità.

Se questo e’ razzismo allora sono razzista, mantenere inalterata la nostra società dandoci delle priorità e soprattutto delle regole iniziando da un efficiente ” decreto flussi ” stabilendo quale sia di anno in anno la giusta quota di immigrati presenti sul territorio nazionale e’ indispensabile

Avanti quindi con i blocchi navali, difendendo i nostri confini , chiudendoli come fanno tutte le altre nazioni europee. 12891683_10154101922294165_5968277808100995096_o Cosi’ l’europa che si e’ sostituita alla ” sovranità popolare ” delegando un governo quello di Renzi , nato sotto l’insegna dell’ oligarchia imperante , che il Referendum del 4 di Gennaio in caso di vittoria del ” SI ” conferirà  irrevocabilmente  alla  comunità europea  quel poco che resta  della nostra sovranita’ nazionale , trasformando l’italia in immenso campo profughi. Non esiste comune italiano dove  questa gente non venga  contrariamente  al volere popolare  venga domiciliata. Ovunque ci sia da far mangiare cooperative e organizzazioni  para-criminali  , gli immigrati sono il piatto forte del nuovo Business del terzo millennio.
Importiamo 170 mila immigrati non laureati e ignoranti come capre ed esportiamo 100 mila cervelli, laureati a pieni voti di eta’ compresa fra i 18 e i 35 anni. Qualcosa non quadra, qui e’ in atto una vera e propria “Sostituzione Etnica “. Un sistema sbrigativo per ottenere mano d’opera ricattabile e a basso costo.  gmmSfatiamo il mito che gli immigrati fanno i lavori più umili , quelli che gli italiani non vogliono più fare, e’ un falso, gli italiani non vogliono fare quello che gli immigrati fanno a meta’ prezzo.. Questo che segue e’ un significativo video che ho girato ad Altopascio in Settembre  , guardate con quanta tracotante arroganza   questi “Migranti” , si prendono beffa degli italiani. 

Non so se sia giusto o sbagliato sottoscrivere a margine di questa protesta un pensiero che ci accomuna a quello di tanti altri relativamente gli afflitti dalle guerre e carestie che ci hanno invaso il paese , ma io la vedo cosi‘ .MA CHE CAZZO VOGLIONO… non so Voi.! Date un occhiata a questo video.

Discussione su Facebook, fai click qui 

marco rommarco parcheggi

marco noiussoli

 

 

 

 

Discussione su Facebook, fai click qui
Marco Santi Gu20160618_102519errieri                                           Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                               Hai una segnalazione da fare, mandami un messaggio  su Facebook o una e-mail a: sos@fratellid’italia.lucca.it

Print Friendly, PDF & Email