Archivi tag: Tambellini

Santi Guerrieri – Discarica con amianto in corte Pierini a Saltocchio

Discarica con amianto  in Corte Pierini a Saltocchio. 

Tra topi pantegane e rettili, pericoli anche per i bambini.
Saltocchio, corte Pierini, otto famiglie pronte a dare guerra al comune di Lucca, nel bel mezzo della corte una discarica a cielo aperto e un mare di eternit.

A Saltocchio  lungo l’argine del fiume Serchio in una bella corte rurale lungo la quale scorre la pista ciclabile di Ponte a Moriano , possiamo trovare l’ennesima discarica nel cuore di uno dei più bei quartieri periferici del comune di Lucca.

Qui in corte Pierini  una decina di famiglie hanno deciso di far voce grossa verso l’amministrazione Tambellini che a quanto pare come  in questo caso usa i classici due persi e due misure.

Infatti dopo l’ ordinanza  della polizia Municipale di qualche tempo fa giunta gli abitanti della corte relativamente l’obbligatorietà di bonificare le  coperture in eternit di alcuni immobili esterni alla corte fortemente danneggiate da eventi atmosferici di grave intensità , una famiglia della corte  pur essendo stata anche successivamente raggiunta da un ulteriore sollecito, non ha minimamente preso in condizione la cosa, fregandosene. 

Voglio ricordare  che rispettare le norme e’ un segno importante di civiltà , ricucire la salubrità ambientale  con il buonsenso e piacere di vivere in un ambiente incontaminato come in quello di corte Picchi a pochi metri dagli argini del fiume Serchio e’ godimento per l’intera collettività. 

Purtroppo nonostante le ordinanze del sindaco siano esecutive , neanche i vigili sono riusciti a convincere una famiglia della corte che continua imperterrito a fregarsene dell’arredo urbano , lasciando li incustodita una vecchia costruzione di blocchetti con una copertura fatiscente in amianto con sotto oltre a serpenti , topi e pantegane un infinita’ di materiali li a decomporsi da anni.

Alcuni dirigenti del Comune  di Lucca  hanno effettuato  un sopralluogo , pur avendo cercato di sminuire la problematica asserendo che l’inquinamento da eternit non e’ normato  da specifiche leggi nazionali e tanto meno locali si sono congedati dimostrandosi comunque disponibili a trovare la soluzione. Ovviamente trascorso oltre un anno dal sopralluogo niente e’ accaduto.

Nel ricordare ai dirigenti che l’abbandono di qualsivoglia materiale , discariche non autorizzate e peggio in luogo abitato, l’abbandono incustodito di amianti e il non ripristino a seguito di un ordinanza del comune dello stato dei luoghi  e’ sanzionabile con precise norme del Codice Civile e Penale.  

Ma torniamo al problema: Il manufatto quasi completamente imploso in se stesso la cui staticità e’ precaria ed estremamente pericolosa soprattutto per i bambini che giocano in corte.

Fra le foto una chicca , un ombrellone che funge da trave di sostegno al tetto di eternit sovrastante, un tocco di tragicomico  da parte di chi più volte  invitato a risolvere il problema .

Unica soluzione a questo punto e’ stata la comunicazione non solo all’ufficio ambiente del comune di Lucca  ma anche agli organi di polizia giudiziaria che dovrebbero in questi casi agire d’ufficio in ordine al reato dell’articolo 256/c2 DLGS 152/2006 e 633 del Codice Penale , per le violazioni per altro già riscontrate in precedenza proprio dagli stessi .

Addirittura visto che trascorsi alcuni mesi niente accadeva , ho deciso di incaricare dei professionisti che collaborano con gli ambienti della regione Toscana settore ecologia e territorio per rilevare l’effettivo il grado di inquinamento ed i rischi presenti in Corte Pierini. Rischi non solo causati dalla discarica ma soprattutto dall’amianto le cui fibre allo stato attuale marcite  e  gravemente sfaldate . La risposta dei tecnici  e’ stata lapidaria, ” sporgere immediatamente denuncia alla procura della repubblica” . Cosi come lapidaria è la mia  : ” Un amministrazione Comunale incapace di far rispettare le norme e neppure le stesse ordinanze ad oggi ampiamente scadute ,  implicita una pericolosissima debolezza , quella di porre sullo stesso piano il cittadino vessato e il mesotelioma per il quale l’eternit e’ il principale
imputato.”  

Santi Guerrieri candidato a Sindaco di Lucca

Ovviamente al fianco dei cittadini di Saltocchio e Ponte a Moriano , come gia’ accaduto per la Guerra alle centraline idroelettriche da me condotta ( Leggi )  per continuare e portare a compimento si spera positivamente anche di  questo impietoso capitolo a firma dell’amministrazione Tambellini.

  Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

 

Santi Guerrieri, Immigrati, bagordi e sporcizia a San Concordio

Immigrati, bagordi e sporcizia con “orinatoio” ecologico alla sortita della stazione di San Concordio

Seconda parte delle quattro cartelle che riguardano il quartiere di San Concordio ( 2/4 ) guarda la precedente (1/4 ) ( leggi )

Un sudiciume , ecco cosa e’ l’uscita della stazione di Lucca lato San Concordio.  Proprio di fronte al varco che conduce alla  stazione , alcuni negozi “Etnici” vendono ettolitri di birra, che immancabilmente viene consumata nel giardinetto interno della stazione. 

Un vero e proprio “orinatoio”  il giardinetto dentro la stazione di Lucca, dove disadattati, immigrati, fancazzisti e perditempo soggiornano, mangiano,bevono e rumoreggiano a vario titolo h24.

Santi Guerrieri Sindaco “Se sarò il Sindaco di Lucca  , emettero’ una specifica ordinanza a tutela dell’ambiente e del patrimonio pubblico Una pattuglia della municipale  sarà inviata con giorni a sorteggio  da condividere con le altre aree del comune a controllare lo stato dei luoghi. Gli esercenti dei negozi  “etnici”  Kebab inclusi , come ben sappiamo nella maggior parte dei casi commerciano i loro prodotti con connazionali, immigrati e profughi di ogni specie e qualità, spesso pronti a fregarsene delle regole e del decoro pubblico della città che li ospita. 

Bottiglia di Birra ovunque, oltretutto nessun cestino nella zona.

Per questo mi farò promotore di un ordinanza che  obbligherà gli esercenti a  vigilare sulla qualità degli acquirenti e a  tenere pulito il luogo dove solitamente  i loro clienti vanno a consumare bevande e pasti.  Nel caso l’ordinanza fosse disattesa  sara’  avviato il  procedimento Amministrativo ex art.7 241/90  per  “abbandono di rifiuti “ nonché  la  rimozione dei materiali a totale spese dell’esercente  con  l’eventuale sospensione  cautelativa della licenza alla somministrazione di bevande e alimenti .

Un ospite inatteso dentro la stazione, una vecchia moto, senza il motore lasciata li abbandonata da anni, ovviamente a nessuno importa gran che ma statene certi che al turista che  giunge a Lucca la cosa non sfugge certamente.

Comunicato pubblicato da TG Regione ( Leggi )
Comunicato Pubblicato da La Gazzetta di Lucca ( Leggi )

  Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

 

 

 

Santi Guerrieri ,Via Nottolini e il fico del Tambellini.

Il tempietto del Nottolini e il fico del Tambellini. San Concordio un disastro annunciato.

In giro per San Concordio parte 1 di 4  (vai alla 2 di 4 ) ( leggi ) 

Marco Santi Guerrieri candidato a Sindaco  di Lucca. “Come promesso , ho dedicato la mia prima settimana in pianta stabile qui a Lucca,  per valutare l’effettiva “salute” del quartiere di San Concordio. Ho voluto per questo iniziare  proprio da Via Nottolini e dall’omonimo tempietto ( del quale parleremo nella seconda parte del servizio ) in quanto area  disastrata, dimenticata e lasciata a se stessa  da troppo tempo.”

Ingresso o uscita che dir si voglia quella della Stazione di Lucca Lato San Concordio. Bivacchi a “gogo” e lattine di birra ovunque. Vi assicuro un “sudiciume” immane. Bel biglietto da visita per la nostra citta’

Via Nottolini, un tempo strada di buone famiglie e belle case è la via obbligata per chi volesse raggiungere raggiungere il famoso Tempietto del Nottolini e di li su per la pista ciclabile fino alle fonti di Guamo .La via che dalle officine Lenzi in quel di Lucca, corre lungo l’asse ferroviario lasciandosi per un tratto il vecchio muro che divide la strada dalla ferrovia c’e’ di tutto. Immigrati, negozi etnici,sporcizia ovunque, erbacce,degrado, luogo di spaccio e furti dove gli scippi sono all’ordine del giorno. 

 

 

 

 

                      La strada piena di buche si sfila tra un marciapiede pieno di erbacce e completamente distrutto dalla sosta selvaggia delle auto ed il muro della stazione  piu’ propriamente un vero e proprio erbario con tanto di pianta di fico e relativi frutti lasciata li a fruttificare per anni dal  sindaco “Agricoltore” Alessandro Tambellini.

“Abbiamo parlato con i residenti disperati per la sosta selvaggia in quell’area, in quanto con l’ingresso della stazione di li a pochi metri, i pendolari parcheggiano i loro mezzi dove trovano spazio  spesso impedendo l’uscita delle auto dai passi carrai .

Impossibile percorrere il marciapiede  completamente disconnesso e ad ogni acquazzone gli avvallamenti  veri e proprio acquitrini in quanto gli scarichi fognari da tempo sepolti dal verde e dalla terra che vi si e’ depositata.

Prima o poi il cartello stradale cascherà ed allora il comune dovrà pagare i danni al malcapitato.

  

Una Pista da cross, alla faccia dei portatori di Andicap
Tanto “verde pubblico” in Via Nottolini, con piccoli laghetti che alla prima acquazzone riempiono velocemente gli avvallamenti delle carraie.

Basterebbe semplicemente considerare  via Nottolini alla stregua delle tante altre strade dei quartieri confinanti le mura. I cittadini qui, pagano le tasse come tutti gli altri concittadini del centro storico.” Se avrò l’onore di essere sindaco , anche Via Lorenzo Nottolini sara’ strada degna di tal nome, credetemi pochi euro di spesa e tanta buona volontà per un grande risultato.

Comunicato su Lucca in diretta  ( leggi )

  Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

Marco Santi Guerrieri, l’accoglienza secondo Tambellini? “Piu’ ne hai piu’ ne metti…. di guai”

Il candidato a sindaco di Noi per Lucca, Marco Santi Guerrieri all’attacco dopo le dichiarazioni del sindaco Alessandro Tambellini sull’accoglienza migranti.

Marco Santi Guerrieri candidato a Sindaco con la Lista Noi Per Lucca,

TAMBELLINI  Incartato come era nelle spire del prefetto Cagliostro – dice – oggi grida al lupo al lupo, prendendosela o meglio scaricando il guaio della tendopoli al nuovo prefetto Maria Laura Simonetti.

                                La tendopoli della Croce Rossa infatti straborda di “umanità” con oltre duecento presenze che non accennano a calare. Un problemino bello grosso per la città qualora qualcuno degli ospiti iniziasse a “sclerare”, cosa peraltro già successa e prontamente sedata dalle forze dell’ordine o peggio a spargere il vento della rivolta all’interno del campo.

Nel rincarare la dose, Guerrieri entra nel merito: “La città è letteralmente invasa da accattoni, postulanti ,mendicanti, perditempo e furbetti – dice – che rompono le scatole oltre che ai lucchesi anche ai primi gruppetti di turisti che si stanno affacciando in città. Sconcertante che fra le facce dei postulanti se ne ravvisano tante che guarda caso alle 13 se ne vanno a pranzo proprio al refettorio della Croce Rossa in via delle Tagliate”. “Gli sbagli si pagano – dice Santi Guerrieri – e l’ultimatum lanciato dal Sindaco è una presa di giro nei confronti della cittadinanza, in quanto oltre alla Tendopoli della Croce Rossa c’è anche il campo nomadi di via della Scogliera che si è nuovamente ben rimpinzato di nuovi arrivi nell’area di sosta comunale del capoluogo, senza che nessuno se ne sia minimamente preoccupato. Eppure proprio Tambellini aveva fatto sfoggio al vasto pubblico anche dell’operato svolto dai “custodi” responsabili del campo nomadi delle Tagliate, che ricordiamo nominati dallo stesso sindaco per il controllo e la pulizia dello stesso. Un ennesimo fallimento quello, che si accoda ai precedenti e che va a sanarsi unicamente con le migliaia di euro prelevati dalle tasche dei contribuenti per le pulizie autunnali e primaverili dell’immondezzaio, fiore all’occhiello della giunta lucchese in quel di via delle Tagliate”.
“Deleterio per la città – conclude – sarebbe il ripetere l’esperienza di essere guidata da questa sinistra imbarazzante anche per se stessa. Faccio notare che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Tutta la Sinistra compresa la compagine renziana che, pur declinando responsabilità e coinvolgimenti tout court circa le scelte “umanitarie” di Tambellini, ha fatto il peggio del peggio “tollerando” e promettendo mari e monti, ad iniziare dalle opere infrastrutturali cittadine in primis il nuovo ponte sul Serchio che non si farà mai”.

 Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

Marco Santi Guerrieri -Candidato a Sindaco-Lucca e i migranti Invisibili

Santi Guerrieri , poche chiacchiere e piu’ azione. Maggiore vigilanza sul territorio.

Migranti invisibili a Lucca .”Un inaccettabile violenza  verso chi italiano e in stato di necessita’ mai avra’  la stessa dignita’ di trattamento  alla pari  di un clandestino  ” 

screen-shot-10-29-16-at-11-48-am
Nuovi ospiti a San Pietro a Vico, Lucca
Marco Santi Guerrieri , intervistato dalla troupe di rete 4, ” Dalla vostra parte”

Marco Santi Guerrieri. Anche a San Pietro A Vico “sbarcano” i migranti.
” NIENTE ANNUNCI, quasi non esistessero. Eppure ormai sono il doppio delle presenze promesse. Con la Prefettura che continua a scaricare nuovi immigrati sul nostro territorio già saturo di stranieri.L’ultimo gruppo, una decina di africani, è arrivato in questi giorni, come ricorda Marco Santi Guerrieri nel ripresentare questo articolo  da candidato a Sindaco per Lucca,  pone il dito nella piaga  circa il malcostume locale, dove chi ha in mano il “potere” puo’ praticamente fare quello che gli pare , una cosa del genere senza che nessuno ne fosse avvisato con il sottoscritto Sindaco di Lucca non sarebbe successa . E’ assodato che chi vuol fare politica in questa citta’ non si possa limitare pur di trovare spazi elettorali e visibilita’ a tagliare l’erba lungo le strade .Occorre essere sul territorio per ricevere informazioni, diversamente si resta isolati. 

#santiguerrieri nuovi migranti a Lucca
La Nazione Lucca, 30 Ottobre 2016 , quando pubblicai questo comunicato ero ancora portavoce di Fratelli d’Italia, un partito oggi impacciato ed ormai allineato alla tradizione del peggior politica. Con l’ingresso di certi soggetti, credo si sia definitivamente conclusa l’epoca di FDI a Lucca.

La prefettura di Lucca, nonostante siano stati gia’ da tempo abbondantemente superati i limiti previsti dalla norma , continua a immettere nel territorio comunale di Lucca decine di immigrati, senza nome,irregolari,clandestini e di incerta identita’ .
Una vera e propria invasione programma e studiata al tavolino, ora che con le nuove norme all’insegna dell’emergenza , vincere una gara e rendicontare le spese su poco piu’ di un pezzo di carta , e’ un gioco da ragazzi , che agevola enormemente il compito della Prefettura a trovare spazi dove “stipare” i nuovi arrivati. ”

_dsc0352-little

«ALTRI MIGRANTI ‘invisibili’ sono arrivati a Lucca, in via dell’Acquacalda a San Pietro a Vico, in una bella villa dell’800, giovedì scorso – ricorda Santi Guerrieri – sono arrivati in tutto silenzio e senza alcuna comunicazione da parte della Prefettura». «La Prefettura – attacca Santi Guerrieri – nonostante siano stati già da tempo abbondantemente superati i limiti previsti dalla norma, continua a immettere nel territorio comunale di Lucca decine di immigrati, senza nome, irregolari, clandestini e di incerta identità.
Una vera e propria invasione studiata al tavolino».
Marco Santi Guerrieri , intervistato dalla troupe di rete 4, ” Dalla vostra parte”

Oggi Guerrieri e’ candidato a Sindaco per Lucca e ripropone questo servizio ricordando la denuncia lanciata in TV tramite le reti Fininvest  di rete 4, sopraggiunti sul luogo , purtroppo, solo dopo una quindicina di giorni che aveva rilevato il problema. La città è vicina al raddoppio del numero di immigrati rispetto alla quota spettante prosegue il candidato a Sindaco e cio’ senza considerare la tendopoli della «Cri», perche’ in quel caso il numero sarebbe quasi triplicato. «Un’invasione che porterà, come già ventilato dal ministro Alfano – conclude Santi Guerrieri – a una possibile confisca anche delle seconde case, qualora sfitte».

Discussione su Facebook, fai click qui.
Coordinate Google Maps, fai click qui
_dsc0358-little _dsc0354
screen-shot-12-08-16-at-11-08-am
Vai a visitare  la Villa  qui le Coordinate di Google Maps 

 

Marco Santi Gu20160618_102519errieri                          
Candidato a Sindaco per Lucca   

Marco Santi Guerrieri -attacca il prefetto sull’invasione dei clandestini

Santi Guerrieri attacca il prefetto sull’invasione di clandestini. E ha ragione

18″La paura fa 90, lacrime di coccodrillo in vista delle amministrative fra Tambellini e Sichi”. Esordisce ironicamente il candidato a sindaco di Lucca Marco Santi Guerrieri affrontando il tema dell’invasione di clandestini cui è stata sottoposta ed è sottoposta ancora oggi grazie al prefetto, la città di Lucca. “E’ di questi giorni la notizia che il sindaco Tambellini in procinto di avviarsi al prossimo giro di boa per le amministrative  di Lucca 2017 – incalza Guerrieri – sia seriamente preoccupato  della polveriera umana stipata  all’interno del campo della CRI in via delle Tagliate. (Leggi l’articolo completo ) 

 

Marco Santi Guerrieri – Con Mediaset a caccia di Clandestini a San Pietro a Vico.

Migranti in villa a 5 stelle.

Fra una partita di calcio e un giro in bici, una dozzina di giovani clandestini trascorrono  il tempo trastullandosi al sole di una bella giornata  di fine Autunno . 

_dsc0246
Santi Guerrieri durante l’intervista rilasciata alla troupe di Mediaset. @santiguerrieri

Giovani e giovanissimi, chi del Gana come Muhammad che ingrana qualche parola d’inglese, chi dal Senegal e dalla Nigeria. Queste le vittime che fuggono la guerra.  
Diciamoci la verità , afferma Santi Guerrieri portavoce di Fratelli d’italia a Lucca  – “questa e’ una violenza bella e buona  ai danni di chi italiano e in condizione economiche disagiate non gode degli stessi diritti e pari dignita’ di questi giovani clandestini appena arrivati in Italia.” 
“Ho avuto modo tempo fa già di parlare di questa bella villa adibita ad accogliere una dozzina di migranti a suon di 12.600 € al mese, (leggi),  un bel gruzzoletto quindi per l’organizzatore del business di San Pietro a Vico. Alcuni abitanti del luogo mi avevano segnalato l’arrivo di questi giovani verso la fine di Ottobre 2016. Dopo aver rilasciato un comunicato alla stampa la scoperta e’ restata nel cassetto per oltre un mese. Parole troppo dure quelle di Guerrieri  per essere ad uso e consumo di trasmissioni in fascia protetta con tempistiche d’intervento nell’ordine dei 5 secondi. Meglio dare spazi agli sfoghi della gente comune, ai cittadini, a chi soffre o ha da dire la sua .  Purtroppo il problema e’ complesso e  non e’ una questione di colore della pelle o paese di provenienza a sollevare l’ira degli italiani , ma di testa , anzi di “teste di cazzo” che non comprendono la differenza fra chi fino ad oggi ha contribuito alla crescita del paese e chi vorrebbe svenderlo per impinguare il portafoglio ,all’ultimo arrivato. 

_dsc0283
Il portavoce di Fratelli d’Italia Marco Santi Guerrieri per intervistare gli abitanti di San Pietro a Vico.#santiguerrieri

Con i cronisti di  Mediaset  prosegue Guerrieri con i quali gia’ in altre occasioni avevo avuto modo di collaborare , siamo riusciti a raggiungere l’interno del cortile della villa e parlare con alcuni di loro. Intervistati alcuni passati  tante le risposte e altrettanti i  punti interrogativi, in quanto nessuno sapeva niente di questi nuovi arrivati.      
La prefettura di Lucca come ho avuto spesso modo di dire, non sempre comunica gli arrivi tramite i canali tradizionali e cosi’ una volta arrivati  trovandosi in un area industriale della piana, in pochi vi hanno fatto caso.

_dsc0225
Una violenza, inaudita ai danni di chi italiano e in condizione economiche disagiate non gode degli stessi diritti e pari dignita’ di questi giovani clandestini appena arrivati in Italia.

Di case popolari date agli immigratii si legge ovunque. La legge Saccardi che disciplina la norma, non prevede  nessuna differenza fra i richiedenti alloggi , sia essi  italiani che extracomunitari. Come ho avuto modo di approfondire  ormai un anno fa,  e’ palese che i consolati debbano certificare  l’eventuale reddito , anche quello catastale incluso il possesso di una casa, dell’immigrato richiedente un alloggio ERP. Nel caso manchi questo documento il richiedente non deve avere nessuna priorita’ e tantomeno il diritto di acquisire un posto in graduatoria. Nel video girato negli studi di NoiTv , un ritaglio della trasmissione del testa a testa fra Marco Santi Guerrieri Portavoce di Fratelli d’Italia e l’Assessore alle politiche Sociali e Abitative Antonio Sichi . ( fai click qui per il video integrale )

_dsc0238
Non e’ facile dire quello che si vorrebbe dire.. certe volte.
_dsc0276
Michele Filippi responsabile di quartiere per Fratelli d’Italia a Ponte a Moriano.

Marco Santi Gu errieri                          

Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                           Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail a: sos@fratellid’italia.lucca.it

Marco Santi Guerrieri – Le lacrime di coccodrillo del Prefetto Cagliostro.

Lacrime di coccodrillo per il Prefetto Cagliostro ed il Sindaco Tambellini . 

14449019_10154637056774165_6854694033900694333_n
Marco Santi Guerrieri ,Portavoce Comunale e responsabile nel Dipartimento Nazionale di Fratelli D’Italia per l’Immigrazione e sicurezza del territorio.
clandestino 900
Alla faccia degli italiani, dei piu’ bisognosi, … alla faccia delle piu’ elementari regole del buon senso..

Ieri pomeriggio in consiglio comunale e’ stato tutto un piangere di lacrime di coccodrillo, piangeva il sindaco Tambellini , piangeva il Prefetto.. tutto questo pianto per non dire niente.
Fratelli D’Italia, non retrocede un passo su quanto detto gia’ nel Maggio 2015 per le regionali toscane.                     ” Campo ROM e tendopoli della CRI alle Tagliate dovranno essere smantellati con la massima urgenza , una bomba ad orologeria a 100 metri dalla citta’ ”                            
Fantasiose le teorie per cui il Prefetto Cagliostro  proprio ieri lanciava l’allarme dell’insostenibilità “immigrati” nella nostra città. Vero in parte che di fatti gravi non se ne sono verificati  , ma altrettanto vero che all’interno del campo della Croce Rossa alle Tagliate spesso si sono verificati episodi di violenza e non sempre sono bastati semplici cerotti per rimettere in carreggiata i malcapitati. (Leggi.. )..  ma anche risse sedate con l’intervento della PS all’interno del campo dell CRI allora leggi l’ articolo pubblicato sulla Nazione ( Leggi …)
Per non farsi mancare niente , al di la del nuovo bando di questi giorni con il quale la Prefettura sta cercando di fare incetta di immobili e nuovi ” volenterosi”  disposti ad ospitare ulteriori orde di migranti solo 15 giorni fa la “Prefetta”  nel silenzio più totale , piazzava ben altri 10 migranti a San Pietro a Vico.  Solo Fratelli d’italia, dietro una segnalazione , denunciava alla stampa l’ennesima  follia . (leggi …)

Ma veniamo ai fatti, come ho avuto modo di trasmettere alla Gazzetta di Lucca, che mai avrebbe potuto dedicare miglior titolo di quello posto in testa al mio articolo di Ieri pomeriggio. (leggi…)
Niente poteva essere piu’ appropriato del titolo che la Gazzetta di Lucca ha deciso  a corredo del nostro articolo.                                                     Il prefetto in consiglio comunale, quando la paura fa… migranti

oltreserchio
Non sono rari, e’ accaduto anche a Lucca, che scalmanati, presuntuosi , ospiti nel nostro paese, pretendessero migliori condizioni ,spaccando tutto o invadendo strade ed interi quartieri , vista la lunga villeggiatura che avrebbero dovuto trascorrere in Italia.

“Migranti, clandestini, illegali, profughi, mi domando di chi e di cosa si voglia andare ancora a parlare in consiglio comunale”. Con queste parole Marco Santi Guerrieri portavoce di Fratelli d’Italia commenta la presenza della prefetta nella seduta di oggi: “Dopo che la Prefettura di Lucca, per anni, con la complicità degli amministratori locali ha permesso l’ingresso nel nostro Comune di un numero di migranti di ben oltre il triplo rispetto al consentito dalle norme migranti/popolazione, ecco che oggi dopo manifestazioni di piazza, comunicati, presidi promossi da Fratelli d’italia a Lucca, ecco che il prefetto Cagliostro viene invitato dal consiglio comunale a riferire sia sul presente relativamente la sicurezza del territorio che sul futuro relativamente il reale numero di immigrati che “spiaggerà” ulteriormente sul comune di Lucca”.

littleE’ di questi giorni – prosegue Santi Guerrieri – il tentativo di violenza di un extracomunitario ai danni di una barista nell’area del palasport ed ecco che la propaganda pre-elettorale dei dissidenti del Pd lucchese dice la sua mettendo le mani avanti sulle problematiche cittadine in fatto di sicurezza , guarda caso dopo che le pagine della cronaca cittadina sono state infestate per mesi dalle loro faide interne offrendo il peggio del peggio di se stessi. E’pertanto opportuno che il centrodestra, tutto, al di la dei comunicati alla stampa inizi seriamente a contarsi proprio per contrastare con sinergie comuni i temi di ordinaria follia con i quali questa giunta ci ha obbligato a convivere. Occorre non solo condivisione di idee ma anche di intenti, azione e sinergie comuni. I comunicati alla stampa da soli non portano a niente”.

marco parcheggi
LEGALITA’e DIRITTO non possono scendere a compromessi con nessuno
marco rom
Basta con l’incivilta’, le soluzioni ci sono, i campi vanno chiusi

Appello alle forze politiche del centro destra “Voglio lanciare un appello alle forze politiche del centrodestra – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia – proprio prendendo spunto dagli ultimi e prossimi accadimenti in fatto di migranti e di ordine pubblico in generale . Per contrastare ulteriori presenze, unica via quella di richiedere a chiunque ospiti migranti tramite bandi pubblici, a rendicontare dettagliatamente tutte le spese sostenute, cosa che oggi, nel silenzio piu’ totale non avviene . Fratelli d’Italia propone la LEGGE ANTI-TRUFFA  ( Leggi…) per la quale e’ gia’ iniziata la raccolta delle firme per la proposta di Legge parlamentare di iniziativa regionale.

Ritengo questa un’occasione ampiamente condivisibile non solo sulla carta ma soprattutto per le vie cittadine, da tutte le forze politiche del centrodestra che vogliano riconoscersi in tal nome”.

Marco Santi Gu20160618_102519errieri 
Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                               Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail                    a: sos@fratellid’italia.lucca.it


Marco Santi Guerrieri – PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO

Marco Santi Guerrieri – clandestini , voli pindarici per definirli migranti

12042920_10153670891989165_7564388324364144798_nGUERRIERI NO AD ALTRI IMMIGRATI NELL’OLTRESERCHIO.
FANNO voli pindarici e poi giocano allo scaricabarile: è senza appello il giudizio di Marco Santi Guerrieri, segretario comunale di Fratelli d’Italia, sull’amministrazione Tambellini sul tema degli immigrati che continuano a affluire senza sosta a Lucca. Il previsto arrivo a Maggiano di altri 14 immigrati, secondo l’esponente di Fratelli d’Italia che annuncia iniziative in zona, porta il territorio oltre il limite di saturazione (un immigrato ogni 264 cittadini) e testimonierebbe l’ipocrisia della sinistra sul tema. «Nell’Oltreserchio ad agosto – spiega – si era scatenato il putiferio con la popolazione allarmata dall’arrivo di 40 immigrati e fu proprio il consigliere Pd Enrica Picchi, che temendo una irreparabile frattura nello storico bacino elettorale della sinistra dell’Oltreserchio, suggerì a chi di dovere di fare un rapido dietrofront per precisare che i parametri di un migrante ogni 600 abitanti erano stati disattesi. Strano modo di intendere la matematica: se 40 per la giunta lucchese erano troppi ora 34 vanno bene?». Ma per Santi Guerrieri siamo oltre il limite delle presenze in tutto il territorio comunale secondo gli stessi parametri del governatore Rossi e che prevedono un immigrato ogni 600 abitanti. Tenendo conto di quelli presenti alla Croce Rossa di via delle Tagliate, in modo sistematico da mesi a Lucca, nonostante gli smistamenti, il rapporto è di 1 a 350. Per Santi Guerrieri sulla vicenda profughi anche la Prefettura porta delle responsabilità precise. «Il Prefetto Cagliostro – spiega – in questi giorni ha inteso annunciare l’impossibilità di trasferire parte dei migranti che alloggiano alla Cri in strutture del centro storico ritenendo tale soluzione non idonea, per poi spedirne altri 14 nell’Oltreserchio, che già ne ospita 20, e confermando la teoria che i ghetti meglio tenerli ben lontani dalle mura».

Marco Santi Guerrieri – no ad altri clandestini nell’oltreserchio.

Oltreserchio e gli extracomunitari: si infuria Santi Guerrieri (FdI)

guerre

La questione della collocazioni di immigrati, profughi, extracomunitari o clandestini che dir si voglia, fa infuriare il segretario comunale di Fratelli d’Italia, Marco Santi Guerrieri. Ecco il suo velenoso intervento.
Che il sindaco fosse nel pallone e non sapesse piu’ che pesce andare  a prendere dopo le dichiarazioni del prefetto Cagliostro lo scorso Agosto al riguardo dei  40 migranti da “parcheggiare “  nell’oltreserchio era cosa nota.
Difatti nonostante la riduzione da 40 a 20 migranti da ospitare in una struttura nei paraggi di Nozzano  rieccoci da punto e da capo.
Il sovraffollamento delle strutture della CRI di Via delle Tagliate  avrebbe portato al collasso ed allo scontro sociale  era scontato da tempo .
Infatti alla  fine di Agosto  avevo pubblicato a mezzo  stampa un comunicato denunciando che il comune di Lucca non era in grado di assorbire altri extracomunitari e che comunque il numero complessivo dei presenti era ben oltre i limiti di legge.
Gli extracomunitari ospitati  nel territorio del comune di Lucca infatti  erano palesemente  da sommare a quelli presenti in via delle Tagliate nei locali della Croce Rossa . E’ di questi giorni che con un ennesimo grido d’allarme  ho riproposto all’attenzione della cittadinanza  il  pericolosissimo rapporto cittadino / migrante di 1 a 350 .  Infatti  dai cancelli della CRI i circa 130 extracomunitari ospitati  entrano ed escono a piacimento sia di giorno che di notte fino a tarda ora  e’ quindi  innegabile che questi soggetti  siano da sommare  agli altri presenti e liberamente circolanti sul territorio del Comune di Lucca.
A complicare le cose e per non farsi mancare niente  anzichè cercare una soluzione ci ha pensato  l’Assessore Antonio Sichi che con un comunicato della scorsa settima pubblicato  su La Nazione ha cercato di prendere le distanze dalla tragedia che sta incombendo su Lucca in fatto di extracomunitari , denunciando  che Lucca e’ all’ 85% della massima capienza prevista per legge e  dimenticando che proprio lui ha sempre fatto orecchie da mercante ad ogni grido d’allarme.
Ma veniamo al nodo  della questione, il Prefetto  Cagliostro proprio in questi giorni ha inteso per salvare la citta’ dal’invasione dei  migrati   fare due cose : annunciare a mezzo stampa  l’impossibilita’ di  trasferire   parte dei migranti che alloggiano alla CRI  in strutture del centro storico  a  Lucca  ritenendo  tale soluzione non idonea  in quanto il rapporto di 1/600 pienamente rispettato  ( strana matematica la sua ) , per poi spedire altri 14 migranti nell’Oltreserchio  che gia’ ne ospita 20 , confermando la  teoria da me sempre sostenuta   che i ghetti se ci devono essere meglio tenerli ben lontani dalle mura della citta’ .
Da tenere presente che  gia’ nell’oltreserchio ad Agosto  si era scatenato il putiferio fra la popolazione allarmata dall’arrivo di ben 40 immigrati in una struttura di Nozzano  e  fu proprio per bocca della Consigliera della Maggioranza PD  Enrica Picchi , che temendo una irreparabile frattura  nello storico bacino elettorale della sinistra  dell’Oltreserchio  suggeri’ a chi di dovere di  fare un rapido dietro front sui sani principi del “ cattocomunismo “ imperante e buonista della sinistra lucchese , prendendo assolutamente per buoni gli stessi  regolamenti  regionali tanto combattuti da  Fratelli d’Italia ,  per precisare che i parametri di un migrante ogni 600 abitanti  erano stati disattesi e quindi che 20 erano anche troppi  ma sopportabili per una piccola   comunita’ di circa 9000 abitanti.  
Strano modo di intendere la matematica questa, in quanto se 40 per la giunta lucchese erano troppi ora 34 vanno bene ? 
Infatti i 14 immigrati “ pindaricamente “ chiamati “Migranti” dalla amministrazione comunale , dovrebbero alloggiare presso la ASL di Maggiano ( ex ospedale psichiatrico ) ,  ed in molti sono a sostenere che saranno ospitati dalla “cooperativa la Salute”  che opera in quell’area.
Da notare che fra la struttura di Nozzano e quella prevista a Maggiano   corrono circa 500  metri   locandosi in un  piccolissimo territorio di circa 9000 abitanti. 
Tradotto in  numeri  l’Oltreserchio ospiterebbe un immigrato ogni  264  cittadini , ampiamente piu’ del doppio consentito dalla norma, ,  situazione insostenibile  e fatto unico nel suo genere  nell’area comunale di Lucca e, che noi di Fratelli d’Italia  contrasteremo  fortemente con azioni di vario genere.
 Insomma una ennesima batosta per l’oltreserchio, terra abitata da cittadini di serie “ B”  , ricettacolo di mille problematiche  alla “ merce’ ”  degli  umori  di chiaro indirizzo politico .
E’ ora di dire basta a queste sovrapposizioni di eventi, che contaminano il vivere quieto degli abitanti .
In questi giorni  abbiamo intrapreso contatti con la popolazione residente  nell’Oltreserchio per organizzare un comitato cittadino 
Salvo  ripensamenti  da parte del comune  procederemo con azioni    permanenti , anticonformiste e all’occorrenza anche fortemente politicizzate.
A tutela  della cittadinanza  il comitato  annuncia l’apertura su  facebook del gruppo pubblico  “ benvenuti nell’oltreserchio “ , qui qualunque segnalazione, idea e adesione sara’ debitamente presa in considerazione.
Fratelli d’Italia Lucca

Leggi l’articolo completo su la ” Gazzetta di Luccca ”  fai click ( qui ) 

Marco Santi Guerrieri – IMMIGRATI- Lucca più del doppio del limite massimo previsto

Accoglienza rifugiati, Santi Guerrieri (Fdi): “A Lucca più del doppio del limite massimo previsto”

guerrieri e laura sartini littleE’ ancora polemica per la partecipazione dei migranti alla Luminara di domenica e sulle politiche di accoglienza del Comune di Lucca. A intervenire è Marco Santi Guerrieri (Fratelli d’Italia): “Passata la processione e le sfilate propagandistiche a piedi nudi della sinistra radicale lucchese – dice Santi Guerrieri – l’assessore Sichi con una comunicazione a mezzo stampa di questi giorni cerca di prendere le distanze dalla tragedia che sta incombendo su Lucca al riguardo della presenza di extracomunitari, che lui continua a chiamare pindaricamente profughi, fa autogol e mi domando: perché continua a tenere fuori dal conto gli extracomunitari collocati alla Croce Rossa di via Delle Tagliate? La risposta è ovvia. Non siamo infatti all’85 per cento della massima capienza consentita per legge come asserito dall’assessore (che a luglio rassicurava a mezzo stampa che era tutto sotto controllo) ma praticamente al doppio”.
“Se il rapporto abitanti deve essere di un immigrato ogni 600 abitanti – conclude Santi Guerrieri – a Lucca, considerati i parcheggiati alla tensostruttura della Croce Rossa Lucca supera il limite di 1 ogni 325 abitanti. Bollino rosso per l’assessore Sichi”.

Fratelli d’Italia Lucca

Leggi l’articolo completo su “Lucca in diretta”  ( qui ) 

Marco Santi Guerrieri – mediaset al quartiere giardino.

12009668_10153641888929165_4192466825934550705_nIl 9 di Settembre la troupe di mediaset e’ arrivata a Lucca presso il quartiere Giardino a Pontetetto, chiamata dagli abitanti e da Fratelli d’Italia Lucca. I residenti, da anni vengono presi in giro dall’amministrazione Locale. Il problema e’ la “stecca” un edificio fatiscente che doveva essere abbattuto secondo gli accordi presi con il ” quartiere” ed invece l’amministrazione Tambellini ha fatto marcia indietro ritenendolo prezioso vista l’emergenza case.

vai al filmato ( qui ) 

Il 9 di Settembre la troupe di mediaset e’ arrivata a Lucca presso il quartiere Giardino a Pontetetto, chiamata dagli abitanti e da Fratelli d’Italia Lucca.I residenti, da anni vengono presi in giro dall’amministrazione Locale.Il problema e’ la “stecca” un edificio fatiscente che doveva essere abbattuto secondo gli accordi presi con il ” quartiere” ed invece l’amministrazione Tambellini ha fatto marcia indietro ritenendolo prezioso vista l’emergenza case.L’idea della Giunta e’ quello di asservirlo in parte a “parcheggio” per nomadi,clandestini,profughi e/o migranti qual dir si voglia. Fratelli d’ Italia gia’ a Maggio 2015 sichiero’ a difesa dei concittadini di questo quartiere, lo stesso Portavoce Comunale Marco Santi Guerrieri organizzo’ la visita della Giorgia Meloni proprio in questo quartiere per sensibilizzare opinione pubblica e giunta.Oggi siamo giunti dallo scontro dialettico ai fatti, da qui in poi si procedera’ a testa bassa e senza indugio. #santiguerrieri#lucca

Fratelli d’ Italia gia’ a Maggio 2015 sichiero’ a difesa dei concittadini di questo quartiere, lo stesso Portavoce Comunale Marco Santi Guerrieri organizzo’ la visita della Giorgia Meloni proprio in questo quartiere per sensibilizzare opinione pubblica e giunta.Oggi siamo giunti dallo scontro dialettico ai fatti, da qui in poi si procedera’ a testa bassa e senza indugio.

Marco Santi Guerrieri – NO AL PENITENZIARIO NELL’OLTRESERCHIO

LAN_20150802_LUCCA_43 maggiano

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153541200054165&set=a.38306309164.45692.611934164&type=1&theater

Santi Guerrieri (FdI): «Un’altra tegola per l’Oltreserchio»
«SONO passati solo alcuni giorni dall’annuncio che a Maggiano arriveranno venti extracomunitari e tanto per restare in allenamento, con una bellissima pensata, il sindaco Tambellini superando se stesso, intenderebbe omaggiare le popolazioni dell’Oltreserchio con la realizzazione di un bel penitenziario». Ad attaccare è Marco Santi Guerrieri, segretario lucchese di Fratelli d’Italia. «Lasciando da parte l’ironia – attacca – non è normale pensare di realizzare un carcere penitenziario nel bel mezzo di un abitato quale quello di Santa Maria a Colle e Maggiano, è follia pura distruggere con tal destino un enorme patrimonio immobiliare – il più antico manicomio d’Italia e grande come una città – tanto caro a Mario Tobino e che potrebbe essere adibito ad altri mille usi. Non è normale pensare di ‘accoppare’ ancor di più un territorio che fra antenne, allagamenti, strade piene di buche e campi nomadi (quelli di Fregionaia) e prossimamente destinatario di una ventina di extracomunitari, ha invece bisogno di ritrovare se stesso per rialzare la testa. Non è normale continuare ad accettare la corrente svalutazione degli immobili residenziali semplicemente perché edificati su un territorio di serie ‘B’, c’è gente che sta pagando mutui pari al doppio del reale valore dell’immobile».«L’OLTRESERCHIO è un bacino elettorale della sinistra, è noto, ma non arrivare a capire che qui la sinistra sta portando alla ghettizzazione del territorio emarginandolo dagli schemi rivalutativi messi in atto in tutto il comune non posso accettarlo – conclude – . Che si vada invece a rimettere in sesto alcune strutture dell’ex manicomio da destinarsi al legittimo vivere di chi ad oggi non è più degno neppure di chiamarsi italiano. Ma il sindaco, l’assessore Sichi, la vicesindaco Vietina, anziche buttare al vento milioni di euro per i nomadi, sanno che a Lucca ci sono centinaia di italiani, precari, esodati, indigenti o semplicemente senza una lira in tasca che non sanno dove andare a sbattere la testa?».

Il Sindaco Tambellini superando se stesso , intenderebbe omaggiare le popolazioni dell’Oltreserchio con la realizzazione di un bel Penitenziario. 

La versione del sindaco Tambellini.

Detenuti a Maggiano, l’idea c’è ma non sarà un «super-carcere»

L’IPOTESI di realizzare un nuovo carcere a Maggiano al posto di quello di «S.Giorgio» fa discutere. E, a distanza di meno di 24 ore dalla nostra esclusiva in cui parlavamo del progetto di un super-carcere Lucca-Pisa per il quale c’erano già stati contatti tra il sindaco Tambellini e il Ministro della Giustizia Orlando, ecco che ad intervenire per spiegare i termini del progetto sono lo stesso sindaco e l’assessore all’urbanistica Serena Mammini. E, pur se l’ipotesi del maxi-carcere ad oggi resta congelato, c’è comunque la conferma che nei piani del Comune ci sia la volontà di delocalizzare il San Giorgio a Maggiano, costruito attorno a un progetto innovativo sperimentale di rieducazione e reinserimento.«MAGGIANO: un altro edificio importante, identitario, ricco di storia e di storie che conosciamo anche grazie a Mario Tobino – affermano Tambellini e Mammini – . Il complesso, come quello di Campo di Marte, è di proprietà Asl e nelle vigenti Norme Tecniche di Attuazione è classificato all’art. 45 come ‘complesso civile e religioso rilevante’ per cui è richiesta la formazione di uno specifico piano attuativo all’interno del quale potranno essere definite le opportune categorie di utilizzo. Ad oggi nessuna proposta è pervenuta al Comune. Dare di nuovo vita e funzionalità all’area è operazione difficile e delicata che prevede il coinvolgimento di più attori, forte volontà e convergenza. Del resto parte del grande edificio si trova in pessime condizioni e il degrado continua inesorabile».ED È QUI che entra in campo l’ipotesi carcere. «Durante il dibattito per la redazione del Piano Strutturale – aggiungono il sindaco e l’assessore all’urbanistica – il tema è stato affrontato, si è discusso, nella fase di avvio del procedimento, sull’opportunità o meno di decentrare la Casa Circondariale di San Giorgio in centro storico, ma la questione è rimasta in secondo piano rispetto ad altre tematiche certo ugualmente importanti e complesse come per esempio il recupero dell’ex ospedale Campo di Marte. Una certezza assoluta è quella che l’amministrazione non è interessata a nessun ‘super-carcere’ in nessun luogo del proprio territorio». Ma c’è un ma: «Semmai un’idea, una suggestione emersa – affermano ancora – è stata quella di una delocalizzazione della Casa Circondariale, ma costruita attorno a un progetto innovativo sperimentale di rieducazione e reinserimento da compiersi in una parte del complesso che potrebbe vedere nella Fondazione Tobino, che ha lì la propria sede, il volano culturale-sociale dell’operazione». Leggasi appunto spostare il carcere a Maggiano aggiungendo il progetto sperimentale di rieducazione.E ANCORA: «Del resto la conformazione dell’area immersa nel verde e coltivabile e la struttura dell’edificio si adatterebbero naturalmente a questa funzione; insomma restituire a quel luogo la vocazione sociale, di attenzione e cura alla persona – concludono – che anche storicamente le appartiene. Qualsiasi ipotesi è comunque prematura, la discussione è aperta». Fin qui i documenti ufficiali. In realtà in una riunione con vertici del Pd, Tambellini avrebbe annunciato di aver già parlato con il Ministro della Giustizia Orlando e che il progetto del maxi-carcere Lucca-Pisa sia stato congelato solo e soltanto per il «no» secco del sindaco della torre pendente Filippeschi. La discussione, in ogni caso, come affermano gli stessi Tambellini e Mammini, resta aperta.
Cristiano Consorti

Marco Santi Guerrieri – ORA VANNO BLOCCATI GLI ARRIVI

IMMIGRATI ORA VANNO BLOCCATI GLI ARRIVI A LUCCA , altro che lavori socialmente utili – NO AL NUOVO INSEDIAMENTO DI MAGGIANO ( Lucca)

In poco tempo si è registrato un aumento del 51 per cento
NUOVI arrivi di immigrati in città, non se ne può più. Il sindaco Tambellini e l’assessore Sichi chiedano una sospensione al prefetto. E’ quanto chiede il segretario comunale di Fratelli d’Italia, Marco Santi Guerrieri. «Nonostante una serie di peripezie matematiche dell’assessore Sichi durante il Consiglio comunale del 7 luglio scorso – attacca Santi Guerrieri – per sminuire la tragica realtà dell’emergenza a fronte di nuovi arrivi, alla fine ha fornito un totale di 125 «migranti» presenti nel territorio comunale. Al 25 luglio il totale degli extracomunitari è salito a 189. Praticamente 64 nuovi arrivi, un aumento del 51 per cento in poco tempo». Santi Guerrieri ricorda che nella tensostruttura della Croce Rossa di via delle Tagliate si è passati dalle 11 presenze di aprile alle 109 di luglio: una escalation vera e propria. «La tensostruttura della Cri in questi giorni sta diventando un vero e proprio dormitorio – aggiunge l’esponente del partito di Giorgia Meloni – non più una struttura temporanea, ma un palese ripiego per disporre di posti letto e pasti caldi. E’ singolare che ora si giunga anche ad insistere per un «invio« nell’area Asl di Maggiano di extracomunitari da alloggiare presso la Cooperativa Sociale «La Salute». Venti soggetti che da aggiungere al campo nomadi di Via di Fregionaia, circa 40, ed a un numero imprecisato di «campeggiatori « tutti provenienti dal nord Africa che pernottano sulle rive del Serchio a Ponte San Pietro». «Fratelli d’Italia – aggiunge Santi Guerrieri – ritiene indispensabile che l’assessore Sichi e il sindaco Tambellini provvedano a richiedere al prefetto la sospensione degli arrivi presso il territorio comunale: è impensabile ricevere altri migranti». Duro il commento anche sull’ipotesi di lavori socialmente utili.

«SONO solo voli pindarici di una certa sinistra – attacca Santi Guerrieri – per dimostrare integrazioni mai viste in termini macrosociali, studiate al tavolino per carpire la buona fede della gente. Con i lavori socialmente utili paventati dall’assessore Sichi si apre un nuovo tragico capitolo a compimento di un progetto che non solo andrà ad incidere ulteriormente sui costi complessivi per il mantenimento degli immigrati (Inps, Inail, ecc. ) ma discriminerà ulteriormente gli italiani in situazione di indigenza o disoccupati».

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153536229019165&set=a.38306309164.45692.611934164&type=1&theater