Archivi tag: clandestini

Santi Guerrieri – questi sono gli ” Immigrati che vorrei a Lucca “

Mai si era visto piangere dei militari come  Mai si erano visti bimbi senza più lacrime da versare e ammutoliti dalla disperazione. Fame,paura e disperazione mentre in Italia arrivano i villeggianti  accolti dalle ONG.


Parlo della Siria, di Aleppo, ma anche delle centinaia di situazioni analoghe  sparse in tutto il mondo dove fame ,paura e disperazione coesistono sotto gli occhi di tutti nel menefreghismo più assoluto. 

Guerre  di cui troppo poco si parla e che con lentezza  emergono alla cronaca facendoci riflettere  sul fatto che sicuramente qualcosa poteva essere tentato prima della tragedia.
Prendo spunto dalla cronaca siriana, ma come ho detto  potrebbe essere la storia di qualunque altro conflitto in qualsiasi angolo del globo. Sappiamo bene che al di la delle colpe ,delle infamie, dei bastardi e di tutti coloro che alimentano questa inutile guerra che si paventa per quello che realmente e’, in Siria è in atto  un vero e proprio eccidio di massa, cinico nel suo rigore  dal non riuscire neanche  a scindere dagli odi delle controparti , religione, uomini , donne, vecchi e bambini.
I difficili equilibri di ieri oggi precipitati nella guerra non trovano una soluzione e un intersecarsi di bombardamenti dei quali non se ne comprende più neanche la mano che ne attiva le spolette persevera insanguinando le nostre televisioni senza che il nostro Paese faccia un passo in avanti per portare sul nostro territorio le vittime innocenti di questo disastro. I bambini.

A niente portano gli sterili lamenti di queste creature  che quotidianamente vengono fatti a pezzi da questa infame e prezzolata guerra della quale ancora poco si capisce.

Lasciamo a casa i migrati economici, quei giovani belli e paffuti o ginnici ed atletici che spesso vediamo fare footing per le nostre strade, con le immancabili “cuffiette” ben inserite nelle loro cavità auricolari e con il telefonino stretto in mano. Acceleriamo  i rimpatri di questi “benestanti”  rispedendoli a casa loro ed investendo risorse dando aiuti concreti a questi piccoli  di qualunque razza e paese essi siano, accudendoli  sul territorio italiano  e nel resto d’europa .

Disponibile sin da subito per la raccolta di un  fondo contributivo per l’assistenza e la compartecipazione agli eventuali costi per il sostentamento presso la città di Lucca  dei bambini vittime della guerra.

Marco Santi Guerrieri, candidato a Sindaco di Lucca

Santi Guerrieri – “Petulanti, accattoni e Fancazzisti in Piazza San Michele”

39.000 Visualizzazioni e 750 Condivisioni.  

Per dire a questo fenomeno VATTENE via dall’Italia, sei un INUTILE 

Santi Guerrieri Nel quotidiano camminare per la città, nel battere  i marciapiedi di tutti i quadrivi cittadini e i sagrati delle chiese, continuo ad imbattermi in decine di accattoni,petulanti e fancazzisti, sempre pronti ad allungare la mano . Ne esistono di tre tipi, quelli che passano la giornata appoggiati  agli antichi muri cittadini che ciondolano frastornati dalla musica “biasciando” non si sa bene cosa e che di scrutano con aria di scherno in attesa che l’appetito si faccia sentire per recarsi poi al refettorio della Croce Rossa. Seguono quelli meno performanti dei professionisti del dolce far niente e che si impegnano duramente a riempire i prati, giardini e ogni angolo della citta’ di lattine,bottiglie di birra, residui di cibo e tra un “rutto” e l’altro si spostano  rumoreggiando e guardandoti fisso e con aria pronta alla sfida. Infine i professionisti della questua, modo veloce  per “imbottare” una cinquantina di euro il giorno,in barba alle disposizioni di legge,  che tutti sanno ma che nessuno applica.

Nel caso del “moro” che esplicita in questo video l’antica arte del chiedere per ricevere, viola palesemente il quieto vivere dei presenti, che disturbati dall’insistenza,dall’invadenza, dallo strusciare fra i tavoli fra vivande e caffè può integrare il reato di violenza privata di cui all’articolo 610 c.p

Lucca Piazza San Michele

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altresì emblematico il finale , in cui la turista si alza e se ne va infastidita. Non e’ un buon biglietto da visita per la nostra citta’.

Il video e’ diventato virale ,in poche ore  e centinaia di cittadini africani soprattutto nigeriani hanno affrontato la discussione  per altro condividendo il video in mezza Africa.  Le deduzioni e i commenti sono quelli piu’ ovvi, l’orgoglio nazionale del nigeriano verace non fa che supportare le tesi di noi italiani “razzisti” condannando l’operare del loro connazionale in tuta ginnica.

Tra le righe dei commenti, appare il solito “muslim” che coglie l’occasione di sparare a zero sul nostro paese per altro  subito liquidato dai piu’ . E non mancano neanche le prese di posizione  di alcuni, che ben istruiti e coscienti della situazione nigeriana, mi assegnano un ” Mi Piace” , rimandando la discussione a data prossima ricordandomi  che la Nigeria e’ paese enormemente ricco, ma altrettanto corrotto e il potere nelle mani di pochi.  Questa e’ l’altra faccia del mondo occidentale  nel quale per capire dovremmo addentrarci in dinamiche complesse e complicate. Diciamo che hanno ragione pure i giovani nigeriani a lamentarsi del “liberismo del capitalismo mondiale” incondizionato che sta divorando il loro paese. Non dimentichiamo che le mani nelle ricchezze di quel paese in accordo con i governanti le mettono pure gli italiani, gli europei, gli americani e la Cina immancabilmente presente.

Dimenticavo , unico coro bastian contrario volendo escludere i “fisiologici” commenti dei soliti coglioni di turno, provengono da una certa  sinistra e dai centri sociali , gli unici a trarre profittevoli guadagni dal business sull’immigrazione.

Noi Per Lucca, Marco Santi Guerrieri

 

Santi Guerrieri, Immigrati, bagordi e sporcizia a San Concordio

Immigrati, bagordi e sporcizia con “orinatoio” ecologico alla sortita della stazione di San Concordio

Seconda parte delle quattro cartelle che riguardano il quartiere di San Concordio ( 2/4 ) guarda la precedente (1/4 ) ( leggi )

Un sudiciume , ecco cosa e’ l’uscita della stazione di Lucca lato San Concordio.  Proprio di fronte al varco che conduce alla  stazione , alcuni negozi “Etnici” vendono ettolitri di birra, che immancabilmente viene consumata nel giardinetto interno della stazione. 

Un vero e proprio “orinatoio”  il giardinetto dentro la stazione di Lucca, dove disadattati, immigrati, fancazzisti e perditempo soggiornano, mangiano,bevono e rumoreggiano a vario titolo h24.

Santi Guerrieri Sindaco “Se sarò il Sindaco di Lucca  , emettero’ una specifica ordinanza a tutela dell’ambiente e del patrimonio pubblico Una pattuglia della municipale  sarà inviata con giorni a sorteggio  da condividere con le altre aree del comune a controllare lo stato dei luoghi. Gli esercenti dei negozi  “etnici”  Kebab inclusi , come ben sappiamo nella maggior parte dei casi commerciano i loro prodotti con connazionali, immigrati e profughi di ogni specie e qualità, spesso pronti a fregarsene delle regole e del decoro pubblico della città che li ospita. 

Bottiglia di Birra ovunque, oltretutto nessun cestino nella zona.

Per questo mi farò promotore di un ordinanza che  obbligherà gli esercenti a  vigilare sulla qualità degli acquirenti e a  tenere pulito il luogo dove solitamente  i loro clienti vanno a consumare bevande e pasti.  Nel caso l’ordinanza fosse disattesa  sara’  avviato il  procedimento Amministrativo ex art.7 241/90  per  “abbandono di rifiuti “ nonché  la  rimozione dei materiali a totale spese dell’esercente  con  l’eventuale sospensione  cautelativa della licenza alla somministrazione di bevande e alimenti .

Un ospite inatteso dentro la stazione, una vecchia moto, senza il motore lasciata li abbandonata da anni, ovviamente a nessuno importa gran che ma statene certi che al turista che  giunge a Lucca la cosa non sfugge certamente.

Comunicato pubblicato da TG Regione ( Leggi )
Comunicato Pubblicato da La Gazzetta di Lucca ( Leggi )

  Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

 

 

 

Santi Guerrieri – Sempre coerente agli impegni presi con i miei elettori

Questo poster e’ ricavato sulla base del manifesto elettorale per le mia candidatura al consiglio regionale della toscana del Maggio 2015 . Ho voluto per coerenza riutilizzarlo con le modifiche e gli aggiornamenti . Pur se rivisitato lo trovo sempre in linea con i principi che da sempre perseguo e che mi propongo anche ora che mi sono candidato a sindacodella citta’. QUESTA e’ COERENZA.

Non amo rivangare il passato, ma visto che in questo giro elettorale per le prossime amministrative di Lucca 2017  le dichiarazioni “Postume” di alcuni candidati a Sindaco  a mio modesto avviso  viaggiano a “spanne” tirando un colpo a destra ed uno a manca.

Sono combattivo  e non mi occorre nascondermi dietro un dito, per ricordare ai lettori, che quello che dico oggi  altro non è che la continuazione naturale dei miei quattro anni trascorsi in politica , prima da Segretario comunale di Fratelli d’Italia che ora da candidato a Sindaco con una mia lista civica ” Noi per Lucca” .

Quattro anni trascorsi  a combattere una battaglia in ” SOLITUDINE” quella contro i campi nomadi, rom , e la tendopoli della Croce Rossa  piena zeppa di “profughi , ed oggi ecco che tutti la sfoderano come cavallo di battaglia, neanche poi fosse una grande novita’. Diciamo senza peli sulla lingua che certi soggetti oggi candidati a Sindaco di Lucca sono dei palesi “copioni” , impossibilitati all’azione ed incapaci a prendendosi  dei rischi,  chiacchiere da cortile le loro. Credo che un candidato a sindaco debba prima di parlare sparando proclami e facendo del mero populismo , dia innanzitutto  mostra di se portando al grande pubblico LE COSE CHE HA FATTO per la Citta’ e non come FAREBBE .Con me gli slogan non funzionano, sara’ dura cari colleghi, ma i confronti televisivi ci sono anche per questo.

#SantiGuerrieri #Sindaco #Lucca

Santi Guerrieri – “Momenti di panico a Stazzema all’agriturismo Le Poiane: violenza e danni tra profughi”

Momenti di panico a Stazzema

STAZZEMA – questa la dichiarazione del candidato a Sindaco per Lucca  Marco Santi Guerrieri  –
” Anche se impegnato a Lucca nella mia candidatura a Sindaco, ho sempre continuato ad ascoltare la popolazione mantenendo anche  il contatto con gli abitanti del territorio della provincia di Lucca.  Amici e conoscenti mi continuano a chiamare come spesso accadeva  prima delle mie dimissioni da Segretario di Fratelli d’Italia per aggiornarmi e comunicarmi fatti e cose spesso di rilievo”.
Nella sua nota Marco Santi Guerrieri va giu’ duro e spiega:
“Infatti quest’oggi , nel comune di Stazzema in località Retignano all’agriturismo “ Le Poiane “, noto alla cronaca per due morti sospette , pare per  intossicazione da monossido di carbonio , mi informano si sia  rischiato il peggio.

… e rieccoci nell’ennesimo casino causato dai soliti noti, “Profughi” Una cosa e’ certa se sarò eletto sindaco , tendopoli e campo nomadi in quel delle Tagliate a Lucca , resteranno unicamente un lontano ricordo nella memoria dei lucchesi.”

Nell’ agriturismo immerso nel verde delle Apuane  , che ricordiamo pare  essere  stato messo sotto sequestro dai carabinieri a scopo cautelativo sono attualmente presenti venti immigrati tutti maschi giovani di età compresa fra i 20 e i 35 anni prevalentemente nigeriani , che nel pomeriggio di oggi  verso le 16 – 16.30 hanno dato origine ad un episodio  di violenza ai danni dei presenti.
Infatti ci risulta che alcuni addetti della Croce Rossa , si sono recati all’agriturismo “le Poiane”, con un pulmino per  prelevare un paio di “ Profughi” da portare verso la piana di Lucca . Quando i due si sono incamminati verso il mezzo gli altri diciotto  fra urli,minacce e strilli hanno preso gli zaini e  cose personali  e si sono messi a correre verso il pulmino . Alcuni di loro sono montati sopra il mezzo  pretendendo di abbandonare   l’agriturismo assieme ai due compagni , mentre uno di  questi particolarmente scalmanato minacciava i presenti  che tentavano di calmarlo e di farlo desistere da eventuali atti di violenza in quanto brandiva nelle mani due  grosse pietre. L’uomo di grossa corporatura di circa quaranta anni  e di nazionalità nigeriana, da indiscrezioni sembrerebbe risultare già noto alle forze dell’ordine in quanto non nuovo a fatti analoghi  pare accaduti nella tendopoli della Croce Rossa a Lucca .
E’ stato richiesto l’intervento dei Carabinieri  che sono giunti sul luogo circa alle 17.30.
Chi fugge dalla guerra  sa cosa bene  cosa significhi  essere profughi e mai si permetterebbe  di alzare la voce verso coloro che gli tendono la mano per offrirgli un tetto, un letto ed un pasto caldo.
Un atto di palese insubordinazione, gratuito,tipico di chi non ha niente da perdere e nel caso odierno  verso un pubblico ufficiale  della Croce Rossa . Un ennesima riprova che da questa gente non ci  può  attendere nessuna formula che abbia a che fare con l’integrazione ,  anzi la propensione ormai diffusa  a considerare se stessi immuni dalle nostre leggi , gli atti di puro vandalismo,violenza e prepotenza verso chi non solo li ospita ma verso chiunque si ponga di traverso sono e saranno sempre all’ordine del giorno. 
Vediamo ora se la Croce Rossa , sporgerà  querela denuncia nei confronti di questi “ profughi”  , in quanto se così fosse si attiverebbe per loro un percorso destinato al rimpatrio. Dubito comunque che la questione approdera’ nell’aula di qualche tribunale . Il “ Business “ sull’immigrazione che si perpetua nella provincia di Lucca da tempo deve continuare il suo moto perpetuo   “ ingrassa-coop”.

Quanto oggi accaduto nel Comune di  Stazzema prosegue il Candidato A Sindaco per Lucca, Marco Santi Guerrieri  potrebbe accadere ovunque ed infatti e’ già successo varie volte , soprattutto all’ interno della tendopoli della CRI a Lucca.Mi domando cosa aspetti il Sindaco Tabellini al di la degli slogan a cui ormai più nessuno crede  a  mettere mano  al problema dei 220 ospiti  della Croce Rossa? Una bomba ad orologeria quella del campo delle Tagliate già innescata da tempo e pronta ad esplodere non appena se ne  presenterà l’occasione.
Una cosa e’ certa , conclude Santi Guerrieri se sarò eletto  sindaco , tendopoli e campo nomadi in quel delle Tagliate a Lucca , resteranno unicamente  un lontano ricordo nella memoria dei lucchesi.”

Fonte del comunicato TG Regione, (leggi qui )
Fonte del comunicato Lucca In Diretta (leggi qui) 

 Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

Marco Santi Guerrieri, intervistato da ALDO GRANDI

Marco Santi Guerrieri, per nulla santo, molto guerriero: “Rom e tendopoli? Questa amministrazione è senza palle”
Aldo Grandi intervista Marco Santi Guerrieri –                                                     “Sfiorate le 5.000 pagine lette.”                                                                                   Venerdì, 10 marzo 2017, 09:00
Questa Mattina, ho appena “timbrato” il cartellino all’appuntamento con Aldo Grandi, un intervista vivace,verace,veritiera. (Leggi l’articolo in originale su la gazzetta )

Ancora un appuntamento di Gazzetta (Leggi l’articolo) con uno dei candidati a sindaco e ancora l’interSvista avviene da Farcito, il locale di piazza San Michele 14 dove il panino non è qualcosa che ti riempie fino a gonfiarti, ma, al contrario e come prediligiamo, qualcosa che ti alleggerisce visto le materie prime da cui è composto a cominciare dalla farina. E poi perché Farcito porta alla mente qualcosa che si infila tra due fette di pane, nel nostro case tra una sfilza di domande a bruciapelo, che non lasciano scampo: o lo mangi, o rinunci e resti a bocca asciutta. E restare con la bocca aperta non è, per noi, una nota di merito. 

Marco Santi Guerrieri ha 60 anni, lucchese doc, artigiano, candidato a sindaco per la lista Noi per Lucca. E’ considerato, spesso, un rompiscatole e un razzista, ma lui spiega che se ciò vuol dire difendere i valori in cui ha sempre creduto, allora ben vengano anche le critiche ingiuste. Politico da strada ancor più che da poltrona, ha militato nella destra portando avanti quelli che, a suo avviso, ne sono i valori preponderanti. Combattente per natura, combattivo per conformazione caratteriale, rompicoglioni per abitudine, raramente riesce a stare zitto e, dopo aver mandato a farsi benedire i suoi… Fratelli d’Italia, adesso difende l’Italia anche, perché no?, da certi fratelli che non sopporta più e che, a loro volta, non lo hanno mai sopportato e supportato.
Marco Santi Guerrieri, a detta di molti più guerriero che santo.   Vero. Santi è il nome del mio nonno, Guerrieri è il cognome di famiglia. Sono stato ufficiale dei paracadutisti, sono un uomo libero e di un’unica parola, combatto personalmente per ciò in cui credo, senza limiti, parentele e senza aver mai firmato cambiali politiche.
Perché due mesi fa è venuto via da Fratelli d’Italia?                               Sono venuti meno i propositi con i quali avevo portato a Lucca il partito di Giorgia Meloni. A gennaio 2013 ho aperto il primo comitato elettorale della Toscana a due passi da piazza San Michele con l’aiuto di alcuni amici imprenditori. E mi sono posto in una collocazione politica ben precisa. Dopo oltre 1300 giorni di lavoro mi sono reso conto che meritocrazia, congressi e quant’altro erano semplicemente frutto di fantasie.
Di chi?  Di alcuni dirigenti nazionali e, specificatamente, di un dirigente provinciale. Fatto è che mi sono stati preclusi i congressi comunali per cui non ho potuto partecipare ed eventualmente essere democraticamente eletto segretario comunale.
Lo facciamo il nome di questo dirigente provinciale? Riccardo Zucconi.
Quello che sta a Viareggio e che ha imbarcato in Fratelli d’Italia i due ex fondatori di Alternativa Civica Marco Chiari e Nicola Buchignani? Questo è successo dopo che io mi sono dimesso. 
Zucconi in che cosa l’ha delusa?                                                                             Io sono uomo identitario, ho dei principi di destra e mi sono reso conto che Fratelli d’Italia non esprimeva più il mio pensiero. Io sono per il territorio, per lo stare tra la gente, per la giustizia sociale, la meritocrazia, i giovani e lì c’era vecchiume da prima repubblica.
Tipo?Il modo di approcciarsi all’elettorato avveniva unicamente tramite comunicati e mai in prima persona come io, invece, a Lucca in questi quattro anni ho fatto prima delle dimissioni.
Lei ha accusato Fratelli d’Italia di non aver consegnato le tessere che lei aveva puntualmente fatto pagare agli iscritti.                             Più che altro gli iscritti avevano puntualmemte pagato per averle. Ho richiesto che venissero consegnate le tessere, mi sono state promesse in varie occasioni, ma tutto ciò unicamente per precludere al sottoscritto la possibilità di indire congressi. Ne è seguita una smentita da parte del coordinatore regionale Torselli da me prontamente impugnata come non veritiera in quanto io stesso possessore di una e-mail a firma proprio del segretario provinciale Zucconi che si responsabilizzava additando problemi di gestione interna al partito.
Ma ora le tessere le hanno date che lei sappia o no?                                 Io so che, a me, non l’hanno data, né quella del 2015 né quella del 2016. Ovviamente incluse quelle dei miei tesserati, ossia 120 fatte direttamente da me.
Ma i soldi li hanno presi? Sembra proprio di sì.
E che fine hanno fatto? Ah, non lo so. Sono fuori dal partito da ormai due mesi. Mi risulta che abbiano fatto qualche telefonata ai tesserati, ma molti si sono espressi con dei francesismi. 
Sa che lei è conosciuto come un cacacazzi?                                             Dipende sotto quale punto di vista.
Nel senso che non le va mai bene nulla e ha un modo di fare aggressivo e spesso, dicono le malelingue, prepotente.                           Sono nuovo alla politica, la mia prima esperienza è stata con Fratelli d’Italia e se parlare chiaro, denunciare fatti e, sulla stampa, assessori, sindaci, prefetti e stintignando qualche politico di professione significa essere un cacacazzi, ebbene sì, sono orgoglioso di esserlo.
Lei si è candidato a sindaco di Lucca. Ne converrà che sarà dura essere eletto. Non è che uno si candida a sindaco per essere eletto. Esistono dei limiti temporali, finanziari ed etici che possono compromettere il risultato finale, ma è lo spirito, è la missione con cui una persona desidera di dire non solo ciò che pensa, ma rimettersi al giudizio dei cittadini. Le preferenze elettorali in politica e ho già avuto modo di vederlo nella mia campoagna elettorale alle regionali, dipendono da tanti fattori. Ci sono persone che usano nei miei confronti stima proprio per ciò che ho fatto sul territorio ed è ciò che sto cercando di portare avanti con questa mia candidatura. Tengo a precisare che proprio nel corso della mia campagna elettorale alle regionali ebbi modo di scoprire uno scandalo a Lucca relativamente ad un finanziamento di 2 milioni di euro che comune, Caritas e Regione avevano imbastito con l’allora assessore Vietina, col sindaco Tambellini e l’assessore Sichi, per costruire un bel villaggio a uso esclusivo dei cittadini rom e sinti camminatori e giostrai del campo di via delle Tagliate. Ho sempre amato la cosiddetta politica investigativa e ciò nasce anche dai rapporti interopersonali e anche con le opposizioni perché altrimenti certe verità non potrebbero mai venire fuori. Se sono cacacazzi anche in questo bene, orgoglioso ancora più di esserlo.
Tambellini proprio ieri ha intimato al prefetto di sgomberare immediatamente metà degli occupanti la tendopoli. Il sottoscritto è da anni che si è messo di traverso proprio all’aspetto umano-finanziario che la Croce Rossa a Lucca aveva voluto vendere ai concittadini. Da tenere presente che un paio di anni fa gli abitanti della tendopoli erano poco più du una cinquantina, oggi più di 200 e mi domando perché sia il sindaco sia gli assessori in questi due anni abbiano scelto di offrire prima la mano e poi tutto il braccio al prefetto Cagliostro.
La pre-fetta però ora se ne è andata per fortuna.                                   Non conosco la nuova, conosco l’attuale amministrazione che ha ancora due mesi di tempo per poter fare danni. Di slogan ne abbiamo già sentiti da parte di Tambellini e Sichi questo è populismo, propaganda, non bastano i blocchi di cemento, le migliaia di lettere che i giornali ricevono, gli stessi elettori del Pd che si lamentano. Il fatto è che non hanno le palle.
Sia sincero: l’immondizia di cui peridiocamente è pieno il campo zingari tanto caro a Tambellini alle Tagliate, lei lo ripulirebbe come fa lui a spese della collettività?            
E’ una bella domanda. I soldi della collettività non sono del sindaco, ma della collettività. Perché il sindaco non chiede alla collettività di chiuderlo defintivamente quel campo? Non dimentichiamo che il campo delle Tagliate è uno dei tre campi lucchesi. E’ nota la questioone delle bollette di acqua e luce pagate dall’amministrazione comunale.
Se è per questo le pagavano anche Favilla e la giunta Fazzi.
Può essere, ma io all’epoca mi occupavo di altro.
Un articolo dello scorso anno. Dopo le mie dimissioni da Segretario Comunale , niente e cambiato al riguardo della lotta che da sempre conduco all’insegna di “Prima gli Italiani”
Sa che un’altra cattiveria a suo carico è quella di definirla razzista? Razzista nei confronti di chi?
Dei clandestini. I clandestini hanno il diritto di esistere, esistono in tutto il mondo. Se essere razzisti significa accettare che gli ultimi abbiano più diritti di coloro che in questo Paese hanno vissuto, versato sangue e seppellito i loro morti, vedere persone che sputano sulla nosttra religione e sul nostro tricolore e, soprattutto, sulla nostra millenaria cultura, a questo punto lo sono. Vede Grandi io credo che un italiano sia un soggetto che in qualunque situazione economica si trovi, mai scende a compromessi con i propri simili. Chiede aiuto in maniera dignitosa e aiuto che spesso gli viene negato dalle stesse amministrazioni, ma essere italiano è un fatto di orgoglio e ce l’abbiamo dentro. Noi siamo italiani, siamo lucchesi, siamo un’altra cosa.
Lucca è invasa da immigrati che fanno solo accattonaggio.
Nel raggiungere questa mattina il centro di Lucca, ho incontrato non meno di 20 soggetti tutti nordafricani che con insistenza, strafottenza, sufficienza e con un modo di fare prepotente, fermavano e ostacolavano il normale passeggio per chiedere soldi. Bene, c’è un decoro anche per fare questo e comunque forse il sindaco Tambellini, al di là dei suoi proclami, avrebbe potuto guadagnare qualche punto in più proprio utilizzando gli agenti di polizia municipale per ostacolare il dilagare di questo fenomeno.
Appoggerà Remo Santini ad un eventuale ballottaggio?
Il quadro politico in questo momento è indefinito e tantomeno Santini ha ancora annunciato il suo programma elettorale. Certo, visto come stanno andando le cose a Lucca, sicuramente Santini, qualora raggiungesse risultati tali da andare al ballottaggio e se in linea con i principi a me più cari – prima i lucchesi poi gli stranieri, attenta valutazione alla sicurezza e alla sanità – potrebbe avere il mio appoggio.
Quando presenterà la sua lista? Ci sto lavorando. Ho bisogno di trovare persone e soggetti, come Santini sta facendo, che in qualche maniera non abbiano una attinenza specificatamente politica, ma soprattutto operativa. Parlo di commercianti di cui nessuno sta parlando in campagna elettorale. Parlo di giovani studenti universitari e delle loro prospettive di lavoro. Vorrei avere anche queste persone con me. C’è bisogno di nuovo.
L’ultima domanda: un carabiniere che aveva arrestato un ladro tunisino si era beccato condanna alla magistratura più risarcomento al ladro. In appello i giudici hanno confermato la sentenza salvo una ridicola riduzione di pena. Non le sembra che questa Italia stia andando a puttane? Sì. Tenendo presente che il carabiniere è un militare, tenendo presente che nell’atto in cui si immobilizza una persona nella fase di arresto può accadere anche per legittimare la propria incolumità, che in qualche modo si arrechi un lieve danno fisico al responsabile del reato. Relativamente al militare, che io conosco bene, ho provveduto presso il parlamento italiano a fare una interrogazione tramite l’onorevole Edmondo Cirielli di Frateli d’Italia, indignato per la notizia. Un precedente, questo, che sicuramente porterà nella convinzione di molti che finora credevano nell’Arma che il loro reale compito non è arrestare, ma starsene in ufficio.
E la magistratura? Farebbe bene a pensare a chi veramente, in questo Paese, fa del male. Ne sono piene le pagine dei giornali. Un reato di un immigrato, di un senza nome, dura tre giorni dopodiché ci ritroviamo lo stesso al medesimo angolo di strada o a delinquere. Credo che un militare non possa essere giudicato così sommariamente senza minimamente pensare che rischia rischia la pelle nel momento in cui arresta un soggetto a lui sconosciuto. Ci vadano i magistrati in mezzo alla strada a fare opera di sicurezza e di ordine pubblico.
Articolo che puoi leggere dalle pagine della Gazzetta di Lucca ( Leggi )
CON UN PIZZICO D’ORGOGLIO , PER UN SOFFIO … QUASI 5.000 PAGINE LETTE

Marco Santi Guerrieri, l’accoglienza secondo Tambellini? “Piu’ ne hai piu’ ne metti…. di guai”

Il candidato a sindaco di Noi per Lucca, Marco Santi Guerrieri all’attacco dopo le dichiarazioni del sindaco Alessandro Tambellini sull’accoglienza migranti.

Marco Santi Guerrieri candidato a Sindaco con la Lista Noi Per Lucca,

TAMBELLINI  Incartato come era nelle spire del prefetto Cagliostro – dice – oggi grida al lupo al lupo, prendendosela o meglio scaricando il guaio della tendopoli al nuovo prefetto Maria Laura Simonetti.

                                La tendopoli della Croce Rossa infatti straborda di “umanità” con oltre duecento presenze che non accennano a calare. Un problemino bello grosso per la città qualora qualcuno degli ospiti iniziasse a “sclerare”, cosa peraltro già successa e prontamente sedata dalle forze dell’ordine o peggio a spargere il vento della rivolta all’interno del campo.

Nel rincarare la dose, Guerrieri entra nel merito: “La città è letteralmente invasa da accattoni, postulanti ,mendicanti, perditempo e furbetti – dice – che rompono le scatole oltre che ai lucchesi anche ai primi gruppetti di turisti che si stanno affacciando in città. Sconcertante che fra le facce dei postulanti se ne ravvisano tante che guarda caso alle 13 se ne vanno a pranzo proprio al refettorio della Croce Rossa in via delle Tagliate”. “Gli sbagli si pagano – dice Santi Guerrieri – e l’ultimatum lanciato dal Sindaco è una presa di giro nei confronti della cittadinanza, in quanto oltre alla Tendopoli della Croce Rossa c’è anche il campo nomadi di via della Scogliera che si è nuovamente ben rimpinzato di nuovi arrivi nell’area di sosta comunale del capoluogo, senza che nessuno se ne sia minimamente preoccupato. Eppure proprio Tambellini aveva fatto sfoggio al vasto pubblico anche dell’operato svolto dai “custodi” responsabili del campo nomadi delle Tagliate, che ricordiamo nominati dallo stesso sindaco per il controllo e la pulizia dello stesso. Un ennesimo fallimento quello, che si accoda ai precedenti e che va a sanarsi unicamente con le migliaia di euro prelevati dalle tasche dei contribuenti per le pulizie autunnali e primaverili dell’immondezzaio, fiore all’occhiello della giunta lucchese in quel di via delle Tagliate”.
“Deleterio per la città – conclude – sarebbe il ripetere l’esperienza di essere guidata da questa sinistra imbarazzante anche per se stessa. Faccio notare che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Tutta la Sinistra compresa la compagine renziana che, pur declinando responsabilità e coinvolgimenti tout court circa le scelte “umanitarie” di Tambellini, ha fatto il peggio del peggio “tollerando” e promettendo mari e monti, ad iniziare dalle opere infrastrutturali cittadine in primis il nuovo ponte sul Serchio che non si farà mai”.

 Marco Santi Guerrieri , candidato a Sindaco
Se hai segnalazioni, qualcosa da dire o da suggerire, puoi trovare tutte le informazioni facendo click ( QUI )

Marco Santi Guerrieri -Candidato a Sindaco-Lucca e i migranti Invisibili

Santi Guerrieri , poche chiacchiere e piu’ azione. Maggiore vigilanza sul territorio.

Migranti invisibili a Lucca .”Un inaccettabile violenza  verso chi italiano e in stato di necessita’ mai avra’  la stessa dignita’ di trattamento  alla pari  di un clandestino  ” 

screen-shot-10-29-16-at-11-48-am
Nuovi ospiti a San Pietro a Vico, Lucca
Marco Santi Guerrieri , intervistato dalla troupe di rete 4, ” Dalla vostra parte”

Marco Santi Guerrieri. Anche a San Pietro A Vico “sbarcano” i migranti.
” NIENTE ANNUNCI, quasi non esistessero. Eppure ormai sono il doppio delle presenze promesse. Con la Prefettura che continua a scaricare nuovi immigrati sul nostro territorio già saturo di stranieri.L’ultimo gruppo, una decina di africani, è arrivato in questi giorni, come ricorda Marco Santi Guerrieri nel ripresentare questo articolo  da candidato a Sindaco per Lucca,  pone il dito nella piaga  circa il malcostume locale, dove chi ha in mano il “potere” puo’ praticamente fare quello che gli pare , una cosa del genere senza che nessuno ne fosse avvisato con il sottoscritto Sindaco di Lucca non sarebbe successa . E’ assodato che chi vuol fare politica in questa citta’ non si possa limitare pur di trovare spazi elettorali e visibilita’ a tagliare l’erba lungo le strade .Occorre essere sul territorio per ricevere informazioni, diversamente si resta isolati. 

#santiguerrieri nuovi migranti a Lucca
La Nazione Lucca, 30 Ottobre 2016 , quando pubblicai questo comunicato ero ancora portavoce di Fratelli d’Italia, un partito oggi impacciato ed ormai allineato alla tradizione del peggior politica. Con l’ingresso di certi soggetti, credo si sia definitivamente conclusa l’epoca di FDI a Lucca.

La prefettura di Lucca, nonostante siano stati gia’ da tempo abbondantemente superati i limiti previsti dalla norma , continua a immettere nel territorio comunale di Lucca decine di immigrati, senza nome,irregolari,clandestini e di incerta identita’ .
Una vera e propria invasione programma e studiata al tavolino, ora che con le nuove norme all’insegna dell’emergenza , vincere una gara e rendicontare le spese su poco piu’ di un pezzo di carta , e’ un gioco da ragazzi , che agevola enormemente il compito della Prefettura a trovare spazi dove “stipare” i nuovi arrivati. ”

_dsc0352-little

«ALTRI MIGRANTI ‘invisibili’ sono arrivati a Lucca, in via dell’Acquacalda a San Pietro a Vico, in una bella villa dell’800, giovedì scorso – ricorda Santi Guerrieri – sono arrivati in tutto silenzio e senza alcuna comunicazione da parte della Prefettura». «La Prefettura – attacca Santi Guerrieri – nonostante siano stati già da tempo abbondantemente superati i limiti previsti dalla norma, continua a immettere nel territorio comunale di Lucca decine di immigrati, senza nome, irregolari, clandestini e di incerta identità.
Una vera e propria invasione studiata al tavolino».
Marco Santi Guerrieri , intervistato dalla troupe di rete 4, ” Dalla vostra parte”

Oggi Guerrieri e’ candidato a Sindaco per Lucca e ripropone questo servizio ricordando la denuncia lanciata in TV tramite le reti Fininvest  di rete 4, sopraggiunti sul luogo , purtroppo, solo dopo una quindicina di giorni che aveva rilevato il problema. La città è vicina al raddoppio del numero di immigrati rispetto alla quota spettante prosegue il candidato a Sindaco e cio’ senza considerare la tendopoli della «Cri», perche’ in quel caso il numero sarebbe quasi triplicato. «Un’invasione che porterà, come già ventilato dal ministro Alfano – conclude Santi Guerrieri – a una possibile confisca anche delle seconde case, qualora sfitte».

Discussione su Facebook, fai click qui.
Coordinate Google Maps, fai click qui
_dsc0358-little _dsc0354
screen-shot-12-08-16-at-11-08-am
Vai a visitare  la Villa  qui le Coordinate di Google Maps 

 

Marco Santi Gu20160618_102519errieri                          
Candidato a Sindaco per Lucca   

Marco Santi Guerrieri -attacca il prefetto sull’invasione dei clandestini

Santi Guerrieri attacca il prefetto sull’invasione di clandestini. E ha ragione

18″La paura fa 90, lacrime di coccodrillo in vista delle amministrative fra Tambellini e Sichi”. Esordisce ironicamente il candidato a sindaco di Lucca Marco Santi Guerrieri affrontando il tema dell’invasione di clandestini cui è stata sottoposta ed è sottoposta ancora oggi grazie al prefetto, la città di Lucca. “E’ di questi giorni la notizia che il sindaco Tambellini in procinto di avviarsi al prossimo giro di boa per le amministrative  di Lucca 2017 – incalza Guerrieri – sia seriamente preoccupato  della polveriera umana stipata  all’interno del campo della CRI in via delle Tagliate. (Leggi l’articolo completo ) 

 

Marco Santi Guerrieri, – NORD AFRICANI RISSA IN PIENO CENTRO a LUCCA –

Marco Santi Guerrieri (Fdi):                   “Rissa fra immigrati  in pieno giorno, tolleranza zero”

#santiguerrieri ” L’impegno elettorale di FDI-An per le prossime amministrative , sarà quello di portare in consiglio comunale ciò che la DESTRA sa meglio fare, ad iniziare dalla tolleranza ZERO. ” 

#Santiguerrieri – “Mi sono trovato nel bel mezzo di una rissa fra Nord Africani , proprio nel centro di Lucca . E’ con il mio più profondo sdegno che mi rivolgo a quella massa di incapaci e strafottenti  politicanti che ancora osano chiamare il nostro paese ITALIA .

santiguerrieripresidio
Marco Santi Guerrieri, portavoce di Fratelli d’italia a Lucca , sono passati solo cinque giorni dall’ultima denuncia relativa strani movimenti di immigrati  rilasciata tramite  Mediaset.

Marco Santi Guerrieri, di Fratelli d’Italia, denuncia un episodio a cui ha assistito questo primo  pomeriggio  in via dei Borghi nel centro storico. Spetta alle autorità di polizia verificare, ma è indubbio che l’assembramento ,  come si vede dall’immagine, c’è stato eccome e a farne le spese ha rischiato, per aver scattato una foto in un luogo pubblico, lo stesso Santi Guerrieri.                                                                                                       Questa è la città che ci sta consegnando Alessandro Tambellini, un città della quale ha perso il controllo così come lo hanno smarrito anche gli esponenti della sua giunta.    ( Leggi qui:  Lacrime di Coccodrillo )
Com’è possibile che nel centro storico si possano formare assembramenti di simile entità e si possano assalire impunemente persone, senza che qualcuno intervenga?                                                                                                           Ma il prefetto, altro responsabile di questa vergogna, cosa ci sta a fare?

 

 

aa35a01b-ff6b-4415-b2c5-991eb5ef8d2b
Rissa, e botte da orbi da poco passate le 14 del 12.12.2016

Anche in questa occasione Santi Guerrieri al di la delle chiacchiere dei vari candidati a Sindaco che continuano a professarsi “paladini” della sicurezza a Lucca  e  che ultimamente ravvivano il grigiore politico lucchese solo sulla carta stampata e non sul territorio e fra la gente .
Come e’ suo solito fare, in prima persona, a proprio rischio e pericolo si e’ nuovamente messo in gioco , per la città e i cittadini lucchesi. 

ec2c1018-4117-40e9-99a0-08587662a8eb
Foto chiare e non eludibili dalle chiacchiere di chi schierato a favore di questa gentaglia, ancora continua a far finta di niente . La giunta Tambellini prima colpevole di questi accadimenti si prenda tutte le sue responsabilità anteponendo fatti e non chiacchiere come fino ad oggi fatto.

Ecco la testimonianza di Santi Guerrieri: “Ho assistito oggi intorno alle 14.20 di fronte alla chiesa di San Leonardo in Borghi a una aggressione. Una ventina di africani assiepati davanti al sagrato della chiesa impegnati a nascondere un paio di loro che stavano malmenando un giovane  di carnagione bianca. Da quello poco che ho potuto vedere, il giovane coinvolto nella rissa agitava un piccolo cartello, un foglio di carta montato su una bacchetta di legno di circa una ventina di centimetri. In particolare un africano gli si è letteralmente lanciato addosso, iniziando il pestaggio a quel che ho potuto vedere deciso e violento.
Conclude il portavoce lucchese di Fratelli d’Italia ” Mi sono soffermato per fare delle foto e contestualmente tre africani mi hanno puntato dirigendosi minacciosi verso di me.                                                                                  A quell’ora con le strade sgombre e nessuno in giro, ho ritenuto  saggio fare alcuni passi indietro e filarmela a gambe levate , “anche questa e’ politica”

Leggi le varie recensioni su :
La gazzetta di Lucca ( qui )
Lucca In Diretta ( qui)
Lo Schermo ( qui)
TG Regione (qui)

Altri articoli utili per la comprensione ” Migranti invisibili ”  (qui)
Altri articoli utili per la comprensione ” S.Pietro a Vico ”  (qui)
Altri articoli utili per la comprensione ” Lacrime di Coccodrillo” (qui)

Marco Santi Gu errieri                          

Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                           Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail a: sos@fratellid’italia.lucca.it

 

Marco Santi Guerrieri – Con Mediaset a caccia di Clandestini a San Pietro a Vico.

Migranti in villa a 5 stelle.

Fra una partita di calcio e un giro in bici, una dozzina di giovani clandestini trascorrono  il tempo trastullandosi al sole di una bella giornata  di fine Autunno . 

_dsc0246
Santi Guerrieri durante l’intervista rilasciata alla troupe di Mediaset. @santiguerrieri

Giovani e giovanissimi, chi del Gana come Muhammad che ingrana qualche parola d’inglese, chi dal Senegal e dalla Nigeria. Queste le vittime che fuggono la guerra.  
Diciamoci la verità , afferma Santi Guerrieri portavoce di Fratelli d’italia a Lucca  – “questa e’ una violenza bella e buona  ai danni di chi italiano e in condizione economiche disagiate non gode degli stessi diritti e pari dignita’ di questi giovani clandestini appena arrivati in Italia.” 
“Ho avuto modo tempo fa già di parlare di questa bella villa adibita ad accogliere una dozzina di migranti a suon di 12.600 € al mese, (leggi),  un bel gruzzoletto quindi per l’organizzatore del business di San Pietro a Vico. Alcuni abitanti del luogo mi avevano segnalato l’arrivo di questi giovani verso la fine di Ottobre 2016. Dopo aver rilasciato un comunicato alla stampa la scoperta e’ restata nel cassetto per oltre un mese. Parole troppo dure quelle di Guerrieri  per essere ad uso e consumo di trasmissioni in fascia protetta con tempistiche d’intervento nell’ordine dei 5 secondi. Meglio dare spazi agli sfoghi della gente comune, ai cittadini, a chi soffre o ha da dire la sua .  Purtroppo il problema e’ complesso e  non e’ una questione di colore della pelle o paese di provenienza a sollevare l’ira degli italiani , ma di testa , anzi di “teste di cazzo” che non comprendono la differenza fra chi fino ad oggi ha contribuito alla crescita del paese e chi vorrebbe svenderlo per impinguare il portafoglio ,all’ultimo arrivato. 

_dsc0283
Il portavoce di Fratelli d’Italia Marco Santi Guerrieri per intervistare gli abitanti di San Pietro a Vico.#santiguerrieri

Con i cronisti di  Mediaset  prosegue Guerrieri con i quali gia’ in altre occasioni avevo avuto modo di collaborare , siamo riusciti a raggiungere l’interno del cortile della villa e parlare con alcuni di loro. Intervistati alcuni passati  tante le risposte e altrettanti i  punti interrogativi, in quanto nessuno sapeva niente di questi nuovi arrivati.      
La prefettura di Lucca come ho avuto spesso modo di dire, non sempre comunica gli arrivi tramite i canali tradizionali e cosi’ una volta arrivati  trovandosi in un area industriale della piana, in pochi vi hanno fatto caso.

_dsc0225
Una violenza, inaudita ai danni di chi italiano e in condizione economiche disagiate non gode degli stessi diritti e pari dignita’ di questi giovani clandestini appena arrivati in Italia.

Di case popolari date agli immigratii si legge ovunque. La legge Saccardi che disciplina la norma, non prevede  nessuna differenza fra i richiedenti alloggi , sia essi  italiani che extracomunitari. Come ho avuto modo di approfondire  ormai un anno fa,  e’ palese che i consolati debbano certificare  l’eventuale reddito , anche quello catastale incluso il possesso di una casa, dell’immigrato richiedente un alloggio ERP. Nel caso manchi questo documento il richiedente non deve avere nessuna priorita’ e tantomeno il diritto di acquisire un posto in graduatoria. Nel video girato negli studi di NoiTv , un ritaglio della trasmissione del testa a testa fra Marco Santi Guerrieri Portavoce di Fratelli d’Italia e l’Assessore alle politiche Sociali e Abitative Antonio Sichi . ( fai click qui per il video integrale )

_dsc0238
Non e’ facile dire quello che si vorrebbe dire.. certe volte.
_dsc0276
Michele Filippi responsabile di quartiere per Fratelli d’Italia a Ponte a Moriano.

Marco Santi Gu errieri                          

Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                           Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail a: sos@fratellid’italia.lucca.it

Marco Santi Guerrieri – Un italiano su quattro a rischio poverta’.

Istat,  il 28,7% delle persone residenti in Italia, nel 2015, è a rischio di povertà o esclusione sociale.

Qui la prima parte basata sui dai dati ISTAT , dalla frode del business sull’immigrazione al meretricio pubblico ai danni degli italiani.  Anche alla nostra città ,  Lucca non ne e’ immune.
(parte1)

14449019_10154637056774165_6854694033900694333_n
Portavoce di Fratelli d’italia a Lucca , con impegno,determinazione,prima gli italiani. #santiguerrieri

Da tempo denuncio il pressappochismo del comico fiorentino nel dipingere  la realtà quotidiana del nostro paese. Come può un primo ministro assieparsi dietro il non vedo, e il non sento  quando diciassette milioni di italiani  poco meno del doppio del numero degli immigrati che attualmente sono ospiti nel nostro paese brancolano nel tunnel della miseria più totale. Falcidiati i diritti sociali, economici, culturali di chi italiano di nascita e di cuore , di tradizione e  civiltà  quotidianamente vengono ad interfacciarsi con le orde di clandestini,irregolari e senza fissa dimora.

Anche Lucca non sfugge a questa logica, basti vedere le classifiche per l’assegnazioni degli alloggi popolari (ERP)  a tutto svantaggio degli italiani con punte percentuali superiori al 60% a favore degli ultimi arrivati.               ( Per visualizzare l’intera  trasmissione fai click qui )

_dsc0096

Genti , questi ultimi arrivati, pretenziosi, arroganti e  fancazzisti, capaci solo di rivendicare diritti , case, danaro e privilegi nel nome di una minoranza  di comodo unicamente utile per il Business delle cooperative rosse , da portare poi gradualmente a votare partito democratico.  Questo e il progetto della sinistra italiana.

screen-shot-10-30-16-at-08-39-am
La Prefettura insiste ,alla faccia della trasparenza ed il rispetto per i Cittadini

Sono i numeri a parlare, se chi fugge la guerra quella vera,  venisse a bussare ai nostri confini, mai nessuno ne vieterebbe l’accoglienza.             A far parlare di sé dovrebbero essere soprattutto i flussi migratori provenienti dalla Siria  al primo posto in Europa  e a seguire Afhganistan e Iraq,  ma di questi migranti in Italia le percentuali  complessive oscillano a poco più dell’1%.Infatti realtà italiana è ben diversa. Stando ai numeri finali del Viminale, restano infatti in testa i flussi provenienti dall’ Eritrea seguiti da Nigeria  e a seguire  Somalia , Sudan , Gambia ,Mali Senegal , Bangladesh e Marocco .

IMG_20151205_160232 (1)
Business sugli immigrati, anche Lucca e’ CONTAMINATA #santiguerrieri

Qualcosa non torna. Forse quelle popolazioni che fuggono realmente la guerra  e che  niente andrebbero a togliere agli  italiani  non offrono sufficienti requisiti per rimpinzare i portafogli dei soliti noti?

 

Marco Santi Gu20160618_102519errieri 
Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca
                          Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail                    a: sos@fratellid’italia.lucca.i

 

 

Marco Santi Guerrieri – Arrivati i migranti a Ficarolo

Governo Renzi , forte con i deboli e debole con chi gli fa gonfiare il portafogli agli amici degli amici.

Arrivati i migranti a Ficarolo , sequestrato l’ostello cittadino.

Con una inammissibile prova di forza da parte della prefettura di Rovigo, ecco che sono arrivati a Ficarolo una cinquantina di migranti.

E’ da tempo che la Giorgia meloni ha replicato duramente alla politica piddina relativamente i fatti di Ficarolo. Infatti  altro non erano che il preludio dei sequestri di private abitazioni qualora seconde case.
La Meloni dopo aver affibbiato al ministro Alfano il soprannome di       ” Caronte” , dimostra di aver saputo leggere molto bene la cabala di montecitorio, tant’ e’ che ha anticipato in pieno quanto stava per accadere. . E questo non e’ populismo , ,a la punta dell’ Iceberg.. aspettate e vedrete ha aggiunto , vedrete cosa accadra’ quando gli spazzi per l’accoglienza saranno esauriti.

Nonostante le proteste del paese,del sindaco, del proprietario dell’ ostello,  i migranti sono sono stati accompagnati dalle forze dell’ordine all’interno della struttura  che ricordiamo  è stata requisita dalla Prefettura lo scorso primo novembre per collocarvi tramite una cooperativagli immigrati.

“Gira voce che potrebbe essere un nuovo modo per far versare alle cooperative amiche finanziamenti occulti alla politica compiacente” 

Cosi’ in barba al diritto di tutela della proprieta’ privata il prefetto Enrico Caterino e’ andato avanti disponendo comunque il sequestro dell’intera struttura per ospitare 50 profughi e scatenando le proteste di Fogli. Dopo due settimane di trattative, a cui ha partecipato anche il sindaco di Ficarolo Fabiano Pigaiani, sembrava si fosse giunti a un accordo: 10 profughi ospitati in albergo per un mese, nell’attesa di trovare una struttura o delle abitazioni sfitte in paese. “Il prefetto avrebbe però voluto farmi firmare un impegno a non ricorrere al Tar contro il suo provvedimento. Ma io ho detto di no”, ha spiegato Fogli. Così ieri mattina il blitz delle forze dell’ordine ha messo fine a ogni possibile mediazione.

Marco Santi Gu20160618_102519errieri 
Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                               Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail                    a: sos@fratellid’italia.lucca.it

 


– See more at: http://www.serviziopubblico.it/2016/11/ficarolo-migranti-albergatore/#sthash.T4znKXp3.dpuf

Marco Santi Guerrieri – Le lacrime di coccodrillo del Prefetto Cagliostro.

Lacrime di coccodrillo per il Prefetto Cagliostro ed il Sindaco Tambellini . 

14449019_10154637056774165_6854694033900694333_n
Marco Santi Guerrieri ,Portavoce Comunale e responsabile nel Dipartimento Nazionale di Fratelli D’Italia per l’Immigrazione e sicurezza del territorio.
clandestino 900
Alla faccia degli italiani, dei piu’ bisognosi, … alla faccia delle piu’ elementari regole del buon senso..

Ieri pomeriggio in consiglio comunale e’ stato tutto un piangere di lacrime di coccodrillo, piangeva il sindaco Tambellini , piangeva il Prefetto.. tutto questo pianto per non dire niente.
Fratelli D’Italia, non retrocede un passo su quanto detto gia’ nel Maggio 2015 per le regionali toscane.                     ” Campo ROM e tendopoli della CRI alle Tagliate dovranno essere smantellati con la massima urgenza , una bomba ad orologeria a 100 metri dalla citta’ ”                            
Fantasiose le teorie per cui il Prefetto Cagliostro  proprio ieri lanciava l’allarme dell’insostenibilità “immigrati” nella nostra città. Vero in parte che di fatti gravi non se ne sono verificati  , ma altrettanto vero che all’interno del campo della Croce Rossa alle Tagliate spesso si sono verificati episodi di violenza e non sempre sono bastati semplici cerotti per rimettere in carreggiata i malcapitati. (Leggi.. )..  ma anche risse sedate con l’intervento della PS all’interno del campo dell CRI allora leggi l’ articolo pubblicato sulla Nazione ( Leggi …)
Per non farsi mancare niente , al di la del nuovo bando di questi giorni con il quale la Prefettura sta cercando di fare incetta di immobili e nuovi ” volenterosi”  disposti ad ospitare ulteriori orde di migranti solo 15 giorni fa la “Prefetta”  nel silenzio più totale , piazzava ben altri 10 migranti a San Pietro a Vico.  Solo Fratelli d’italia, dietro una segnalazione , denunciava alla stampa l’ennesima  follia . (leggi …)

Ma veniamo ai fatti, come ho avuto modo di trasmettere alla Gazzetta di Lucca, che mai avrebbe potuto dedicare miglior titolo di quello posto in testa al mio articolo di Ieri pomeriggio. (leggi…)
Niente poteva essere piu’ appropriato del titolo che la Gazzetta di Lucca ha deciso  a corredo del nostro articolo.                                                     Il prefetto in consiglio comunale, quando la paura fa… migranti

oltreserchio
Non sono rari, e’ accaduto anche a Lucca, che scalmanati, presuntuosi , ospiti nel nostro paese, pretendessero migliori condizioni ,spaccando tutto o invadendo strade ed interi quartieri , vista la lunga villeggiatura che avrebbero dovuto trascorrere in Italia.

“Migranti, clandestini, illegali, profughi, mi domando di chi e di cosa si voglia andare ancora a parlare in consiglio comunale”. Con queste parole Marco Santi Guerrieri portavoce di Fratelli d’Italia commenta la presenza della prefetta nella seduta di oggi: “Dopo che la Prefettura di Lucca, per anni, con la complicità degli amministratori locali ha permesso l’ingresso nel nostro Comune di un numero di migranti di ben oltre il triplo rispetto al consentito dalle norme migranti/popolazione, ecco che oggi dopo manifestazioni di piazza, comunicati, presidi promossi da Fratelli d’italia a Lucca, ecco che il prefetto Cagliostro viene invitato dal consiglio comunale a riferire sia sul presente relativamente la sicurezza del territorio che sul futuro relativamente il reale numero di immigrati che “spiaggerà” ulteriormente sul comune di Lucca”.

littleE’ di questi giorni – prosegue Santi Guerrieri – il tentativo di violenza di un extracomunitario ai danni di una barista nell’area del palasport ed ecco che la propaganda pre-elettorale dei dissidenti del Pd lucchese dice la sua mettendo le mani avanti sulle problematiche cittadine in fatto di sicurezza , guarda caso dopo che le pagine della cronaca cittadina sono state infestate per mesi dalle loro faide interne offrendo il peggio del peggio di se stessi. E’pertanto opportuno che il centrodestra, tutto, al di la dei comunicati alla stampa inizi seriamente a contarsi proprio per contrastare con sinergie comuni i temi di ordinaria follia con i quali questa giunta ci ha obbligato a convivere. Occorre non solo condivisione di idee ma anche di intenti, azione e sinergie comuni. I comunicati alla stampa da soli non portano a niente”.

marco parcheggi
LEGALITA’e DIRITTO non possono scendere a compromessi con nessuno
marco rom
Basta con l’incivilta’, le soluzioni ci sono, i campi vanno chiusi

Appello alle forze politiche del centro destra “Voglio lanciare un appello alle forze politiche del centrodestra – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia – proprio prendendo spunto dagli ultimi e prossimi accadimenti in fatto di migranti e di ordine pubblico in generale . Per contrastare ulteriori presenze, unica via quella di richiedere a chiunque ospiti migranti tramite bandi pubblici, a rendicontare dettagliatamente tutte le spese sostenute, cosa che oggi, nel silenzio piu’ totale non avviene . Fratelli d’Italia propone la LEGGE ANTI-TRUFFA  ( Leggi…) per la quale e’ gia’ iniziata la raccolta delle firme per la proposta di Legge parlamentare di iniziativa regionale.

Ritengo questa un’occasione ampiamente condivisibile non solo sulla carta ma soprattutto per le vie cittadine, da tutte le forze politiche del centrodestra che vogliano riconoscersi in tal nome”.

Marco Santi Gu20160618_102519errieri 
Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                               Hai una segnalazione da fare, mandami   un messaggio  su Facebook o una e-mail                    a: sos@fratellid’italia.lucca.it


Marco Santi Guerrieri – L’immigrazione non e’ un diritto.

cropped-b.jpg
Prima gli Italiani ,                                             Articolo in aggiornamento continuo.

Marco Santi Guerrieri, “L’immigrazione non e’ un diritto, ma un contratto fra chi chiede di entrare in uno stato straniero e lo stato ospitante.”
In qualunque stato degno di tal nome, i benefici dei servizi sociali,sanitari,per l’impiego,spettano prioritariamente prima ai propri cittadini e poi agli altri.
Per fare un esempio tanto caro alla Giorgia Meloni ” In un azienda gli utili si distribuiscono fra gli azionisti e non fra i passanti.” I cittadini sono gli azionisti dello stato, con la loro storia,lavoro,sacrificio,hanno contribuito alla sua costruzione ad iniziare dai servizi sociali , servizi sociali hai quali prioritariamente ogni cittadino italiano ha diritto , poi purtroppo immancabilmente disatteso a favore dall’orda degli “ultimi” che quotidianamente e senza chiederci il permesso invadono il nostro paese.

E’ ora di sfatare alcuni miti nostrani in fatto di immigrazione, un immigrato non e’ un profugo. Chi e’profugo fugge la guerra , chi migrante migra verso condizioni di vita migliori e quindi per ragioni economiche. Ed e’ mai possibile che i profughi siano solamente islamici quando sappiamo bene esserci milioni di cristiani perseguitati che difficilmente troverebbero solidarietà nei paesi Mussulmani. Svegliamoci gente , non e’ la stessa cosa avere in casa un milione di mussulmani anzichè un milione di cristiani, non fosse altro ai fini del mantenimento della nostra identità.

Se questo e’ razzismo allora sono razzista, mantenere inalterata la nostra società dandoci delle priorità e soprattutto delle regole iniziando da un efficiente ” decreto flussi ” stabilendo quale sia di anno in anno la giusta quota di immigrati presenti sul territorio nazionale e’ indispensabile

Avanti quindi con i blocchi navali, difendendo i nostri confini , chiudendoli come fanno tutte le altre nazioni europee. 12891683_10154101922294165_5968277808100995096_o Cosi’ l’europa che si e’ sostituita alla ” sovranità popolare ” delegando un governo quello di Renzi , nato sotto l’insegna dell’ oligarchia imperante , che il Referendum del 4 di Gennaio in caso di vittoria del ” SI ” conferirà  irrevocabilmente  alla  comunità europea  quel poco che resta  della nostra sovranita’ nazionale , trasformando l’italia in immenso campo profughi. Non esiste comune italiano dove  questa gente non venga  contrariamente  al volere popolare  venga domiciliata. Ovunque ci sia da far mangiare cooperative e organizzazioni  para-criminali  , gli immigrati sono il piatto forte del nuovo Business del terzo millennio.
Importiamo 170 mila immigrati non laureati e ignoranti come capre ed esportiamo 100 mila cervelli, laureati a pieni voti di eta’ compresa fra i 18 e i 35 anni. Qualcosa non quadra, qui e’ in atto una vera e propria “Sostituzione Etnica “. Un sistema sbrigativo per ottenere mano d’opera ricattabile e a basso costo.  gmmSfatiamo il mito che gli immigrati fanno i lavori più umili , quelli che gli italiani non vogliono più fare, e’ un falso, gli italiani non vogliono fare quello che gli immigrati fanno a meta’ prezzo.. Questo che segue e’ un significativo video che ho girato ad Altopascio in Settembre  , guardate con quanta tracotante arroganza   questi “Migranti” , si prendono beffa degli italiani. 

Non so se sia giusto o sbagliato sottoscrivere a margine di questa protesta un pensiero che ci accomuna a quello di tanti altri relativamente gli afflitti dalle guerre e carestie che ci hanno invaso il paese , ma io la vedo cosi‘ .MA CHE CAZZO VOGLIONO… non so Voi.! Date un occhiata a questo video.

Discussione su Facebook, fai click qui 

marco rommarco parcheggi

marco noiussoli

 

 

 

 

Discussione su Facebook, fai click qui
Marco Santi Gu20160618_102519errieri                                           Portavoce di Fratelli d’Italia Lucca                               Hai una segnalazione da fare, mandami un messaggio  su Facebook o una e-mail a: sos@fratellid’italia.lucca.it