Giorgia Meloni, “scendiamo nelle piazze per parlare alla gente”

… Continuare a stare dietro ad un computer per condannare l’attuale politica, l’immigrazione, i debiti , le tasse…. non serve a niente.
I social network , Facebook, Twitter , .. devono tornare ad essere mezzi di aggregazione fra la gente.
Se ti senti meglio a protestare dietro un video continua a farlo , ma ricorda che qui a Lucca , in Citta’, nella Piana, in Versilia ed in tutta la provincia c’e’ un gruppo di persone, militanti,.. appartenenti al mondo del lavoro dipendente, delle imprese,dei pensionati.. che da 18 mesi si stanno dando da fare per realizzare un sogno,quello di un  italia diversa e migliore, quello di un paese libero dalla dittatura del PD.
marco 103Voglio un paese in cui i cittadini ritrovino il godimento della propria esistenza, dove i giovani possano autosostenersi con il proprio lavoro , dove gli sbarchi siano respinti , dove la moneta ritrovi una paternità sovrana tornando al suo reale valore e non piu’ quello speculativo della BCE.

Non accetto che sia il destino a cambiare la nostra sorte.
Riportiamo il territorio ad uno stato di vivibilità , sicurezza idrogeologica, , enti,Comuni,provincia e  clientele più o meno occulte nell’assegnazione degli appalti , non non riescono più  a contenere lo scempio che sul nostro territorio sta causando la morte di centinaia di anni di storia.
Occorre ritornare alla protesta di piazza, basta con gli slogan e chi ha sbagliato se ne deve tornare a casa.
Vi aspetto fratelli , Vi aspetto pronti , decisi, incazzati .
Certo di ricevere la vostra disponibilità , un abbraccio .

Marco Santi Guerrieri
Dirigente Provinciale FDi-An Lucca

Dove? :
Presso la messaggeria di :
Marco Santi Guerrieri (qui)
Fratelli d’Italia web ufficiale (qui)
Posta elettronica ( qui)
Fratelli d’Italia Lucca ( qui)

Militanza attiva e il valore del fare squadra.

Marco Santi Guerrieri , Fdi-An Lucca. Basta con le orde di clandestini e venditori abusivi sulle nostre spiagge.

Trovo significativo questo video che da solo vale piu’ di mille parole 

(tempo di caricamento 1,5 min )

marco 103Non capisco l’ottusità di certa gente che comprando prodotti contraffatti  possa rendersi complice di questi “venditori abusivi ” che per altro commettono una serie di reati  che spaziano in tutto l’ordinamento giudiziario dal civile al penale .
Cosi’ tanti “fuorilegge”  che con la prepotenza si sono impadroniti di intere spiagge sino a  rendere impossibile la balneazione  .
Ma in che mondo viviamo ?  Questo continuo esercitare violenza verso noi italiani , verso vacanzieri che vorrebbero solamente essere lasciati in pace per prendersi un giornata di sole ,  la dice lunga su una infinita’ di altre problematiche  a cominciare dalle malattie contagiose che stanno iniziando a dare alla luce anche qui da noi in Italia i primi casi di infezione . Un breve commento sul post : fai click qui 
Sulle nostre spiagge ma anche nelle piazze delle nostre citta’ ,  quotidianamente i perbenisti “radical chic ” di una sinistra disattenta  alle problematiche connesse l’immigrazione ,  si ostinano a far crescere l’esercito di coloro che non avendo niente da perdere se ne fregano altamente delle nostre leggi. Come possano essere ripetuti e perpetrati reati di ogni genere in barba alle leggi  e a danno di aziende che ripetutamente  sono oggetto di contraffazioni . La contraffazione e la vendita di un prodotto contraffatto  e’ un reato  regolato dal codice penale  , mentre  la vendita abusiva di beni senza averne autorizzazione e licenza e’ un danno erariale e una presa di giro verso coloro che diversamente praticano il commercio nel rispetto delle regole e degli obblighi legislativi.”
Al solito due pesi e due misure, con le aziende da una parte vessate ed obbligate da pesanti adempimenti e dall’altra  il vivere felice nel menefreghismo piu’ totale  di gente che mai sara’ punibile e sanzionabile.
W l’Italia

Fratelli d’Italia Lucca
Marco Santi Guerrieri

Ridiamo per non piangere! Il ritmo c’è! “SHISH IS THE WORD” il nuovo inno del PD.

renziNon c’e’ ne voglia il nostro Primo Ministro Matteo Renzi , ma un po’ di satira per altro ben fatta aiuta a dimenticare i problemi del quotidiano che ormai affligge oltre il 60% degli italiani. Il restante 40% a quanto pare  gode ancora dell’anestesia elettorale. 

Ascolta il tormentone dell’estate in mp3  

Vai al video (qui ) 

Marco Santi Guerrieri – Fratelli d’Italia Lucca: – Blocco immediato del canone speciale Tv alle aziende –

Santi Guerrieri , LE AZIENDE NON SONO DEI BANCOMAT
Fratelli d’Italia Lucca: “Blocco immediato del canone speciale Tv alle aziende”

LUCCA – “Anche Lucca e la sua provincia , le imprese non sono restate indenni  dalla richiesta di pagamento del “ canone speciale”  imposto dalla  RAI  Cosi’ attacca  Marco Santi Guerrieri coordinatore lucchese di Fratelli d’italia – Alleanza Nazionale:  “  Mentre milioni di aziende  italiane cercano di restare a galla , contenendo le spese, facendo i salti mortali per pagare i debiti  e tenersi stretti i propri dipendenti a qualunque costo ,  i  dirigenti della TV di Stato per salvare la RAI  sommersa dai debiti imputabili solo unicamente dalle spese faraoniche , clientelismi vari e  da un evasione dal canone prossima al 30% , cosa fanno? Si inventano i canoni speciali”.

NEW138Santi  Guerrieri  presa visione del documento inviato alle aziende lucchesi dalla Rai  cosi’ commenta  :“Leggo la motivazione indicate nella  richiesta di  pagamento e ne cito testualmente ,  «chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione di trasmissioni  televisive al di fuori dall’ambito famigliare. E’ palese pertanto intendere che anche i pc collegati in rete sono atti al ricevimento di trasmissioni radiotelevisive. E’ facile pertanto  intuire come sia facile cadere nel tranello in quanto  chiunque detenga un pc collegato in rete a quanto pare dovrebbe  pagare. Sara’ il caso prosegue Guerrieri ,  ma la lettera ricevuta è  identica sia nello stile che nei contenuti  ad un avviso  bonario di equitalia,  incomprensibile ,aberrante palesemente falloso e contraddittoria rispetto quanto invece comunicato dalla stessa  Rai sul proprio sito Web , che in un apposita tabella esonera dal pagamento i Pc senza sintonizzatore ,monitor per computer, casse acustiche e Videocitofoni.  
Quale e’ il rapporto che  differenzia i  PC collegati in rete e i  Pc con sintonizzatore TV.  Mi domando: perché  la tabella non e’ stata allegata alla lettera  in modo che fosse immediatamente comprensibile e fruibile da chiunque? Solo due le cose chiare: il bollettino di conto corrente precompilato e le raccomandazioni alle imprese di annotare con esattezza sulla dichiarazione dei redditi il numero di canone speciale” , quale avvertimento , “ da qui non scappi”
Cosi’ conclude Santi Guerrieri : “ Visto che la tassa richiesta e’ impositiva, cosa  dovrebbero pertanto “disdire” le aziende non  dotate di  apparecchi imputabili alla ricezione  a mezzo sintonizzatore TV? Perché  non e’ stato inserito assieme al bollettino per il pagamento  anche una cartolina da rispedire alla rai con su scritto: non tenuto a pagare , oppure.. azienda esonerata dal pagamento…. ?“ Al solito il governo farà orecchie da mercante non intervenendo in tempi brevi al blocco del provvedimento adottato dalla Rai. Risultato :molte aziende pagheranno il canone speciale ingiustamente o per paura di incorrere in sanzioni .
Vai all’articolo originale (Qui) 

Tutte le note e i chiarimenti sul web della RAI  fai click (qui)