Primarie Fratelli d’Italia, a Lucca affluenza più alta

Primarie Fratelli d’italia Lucca,  cosi’ la nostra consigliera Regionale Marina Staccioli  da sempre in prima linea  sul nostro territorio   commenta  soddisfatta gli esiti delle urne .
an ok mod
Quello di Lucca è il miglior risultato in Toscana. Le primarie di Fratelli d’Italia hanno portato alle urne oltre mille persone in tutta la provincia. Un risultato “eccezionale e molto soddisfacente”, lo definisce la consigliera regionale Marina Staccioli,

… pur ammettendo qualche problema nella comunicazione: “E’ stato un momento molto importante e l’affluenza più alta rispetto alle altre province toscane è segno di uno straordinario risultato, visto anche il fatto che non è stata data moltissima pubblicità e questo vogliamo che migliori per la prossima volta”. Oltre 300 i voti che sono andati alla stessa Staccioli insieme a Riccardo Zucconi, che con la consigliera regionale ha ottenuto il maggior numero delle preferenze.
Non sono tuttavia mancate le polemiche in queste primarie di Fratelli d’Italia. A mettere  in discussione la candidatura di Leonardo Dianda  nella lista di Fratelli d’Italia a Capannori è Marco Santi Guerrieri: “Vi ringrazio calorosamente tutti – scrive in un post su Facebook – per avermi dato una mano a farmi superare questa prima tornata di primarie. Purtroppo era troppo bello brindare tutti assieme , qualcuno che ha pensato di essere più furbo,  ha rovinato la festa a Lucca e Capannori , potevamo mettere sei consiglieri lucchesi nella nuova costituente”. Santi Guerrieri, utilizzando toni molto accesi,  che Dianda “che si è candidato alle Primarie a Capannori” “Ha pensato bene di fregarmi 200 voti , rimangiandosi la parola data ,  prosegue Guerrieri ”  il Dianda non ha capito che la politica non si gioca a tarallucci e vino”. Il listino, comunque, non è ancora ufficiale ma in provincia di Lucca hanno ottenuto ottimi consensi anche le candidature di Lucia Accialini a Viareggio, Lido Moschini e  Santi Guerrieri a Lucca e Giuseppe Petroni in Versilia. “Insieme a tutta la squadra di Fratelli d’Italia – sottolinea ancora Marina Staccioli -, ringraziamo gli oltre mille cittadini della provincia di Lucca che dalla Garfagnana alla Versilia, passando per Lucca e la piana, si sono recati alle urne per scegliere i propri rappresentanti interni al movimento – prosegue Staccioli – per la prima volta un partito di centro destra fa scegliere direttamente ai cittadini i propri rappresentanti, ovviamente l’intenzione è quella di proseguire su questa linea, riavvicinando così elettori e soggetti politici”.

Vai al Link originale (qui)
Vai alla pagina di Marina , di Riccardo , di SantiGuerrieri , di Dianda  .

 

Fratelli d’Italia alle primarie .

marco primarie

Anche se con un giorno di ritardo , la pubblicazione sulla stampa  ha dato i suoi frutti. Quest’oggi Domenica 23 di Febbraio stiamo assistendo ad un afflusso di votanti veramente importante.
La squadra di Marco Santi Guerrieri  sembra aver trovato  fra i propri elettori  largo consenso dopo un Sabato passato senza un afflusso di votanti  degno di nota. Cio’ fa ben sperare ad un “En plain” della “tripletta” lucchese Guerrieri-Giannecchini-Lucatelli e delle Liste collegate a Lido Moschini  e Leonardo Dianda  anch’essi lucchesi,  per le quali e’ possibile votare da qualunque seggio incluso quello di Lucca dove potrete ricevere info sui candidati ad essi collegati. In oltre al seggio di Lucca in rappresentanza del circolo di Capannori sara’ presente  la Silvia D’Agostino
Per la Par Condicio chi volesse conoscere maggiori dettagli sui candidati dovra’ rivolgersi direttamente alle pagine FB  (qui) del Portavoce Provinciale Riccardo Zucconi  o per e-mail a   riccardo.zucconi.77@facebook.com
“Ndr.alla stesura dell’articolo l’elenco completo degli oltre 90 candidati non e’ al momento ancora disponibile”.
Questa sera lo spoglio delle schede ed in settimana  l’esito delle votazioni circa le preferenze  ricevute  da ciascun candidato e  finalmente sapremo anche quale’ sara’ il simbolo piu’ votato.

Fdi Lucca e provincia

Altri seggi aperti domenica 23.02 .14
Capannori via Polinelli 6  dalle 09.alle 18
Viareggio Rist.Marcherita  09-12
Camaiore la rist . la Conchiglia  09.12
Vai agli indirizzi (qui)

Anche Domenica aperti i seggi per le primarie di Fratelli d’Italia

marco seggio 22
Soddisfatto Marco Santi Guerrieri candidato a Grande Elettore di Fratelli d’Italia per la provincia di Lucca. Nonostante  una serie di inspiegabili errori , la totale mancanza di una corretta informazione da parte dei quotidiani d’informazione, ma solo affidandoci al web, le primarie di fratelli d’italia alla fine della giornata hanno portato a casa  un notevole successo di gente. Speriamo che domani i giornali ci diano lo spazio per avvisare che anche nella giornata di Domenica 23 di Febbraio   terremo aperti i seggi di Lucca  e Capannori dalle 09 alle 18.00 mentre il seggio di Viareggio  aprira’ alle 09.00 e chiudera’ alle 12. 00 (qui gli indirizzi )  (qui il video  ) 

Lucca – Verrebbe da dire, citando la Settimana Enigmistica, forse non tutti sanno che. Sabato e domenica, infatti, nonostante la scarsa pubblicità a livello locale e nazionale, si terranno le prime primarie di un partito di centrodestra in Italia.

Le farà Fratelli d’Italia, che chiamerà cittadini e simpatizzanti ad esprimersi su numerosi quesiti. Innanzitutto si sceglierà il candidato alla presidenza nazionale, dove il candidato unico è l’onorevole Giorgia Meloni, una delle fondatrici del movimento. Si scelgono poi i grandi elettori, 22 dei quali proverranno proprio dal territorio della provincia di Lucca. Gli elettori poi saranno chiamati a scegliere il simbolo del movimento, che può ufficialmente utilizzare anche il marchio di Alleanza Nazionale ed infine ci saranno otto questiti, modello referendum, le cosiddette primarie delle idee. I cittadini saranno chiamati a rispondere se sono favorevoli o contrari all’uscita dell’Italia dall’euro, all’impedimento dell’importazione di merci che fanno concorrenza sleale al made in Italy, al blocco dei flussi migratori, a condonare le cartelle esattoriali, a combattere l’evasione fiscale scaricando dalla dichiarazione dei redditi tutte le spese fatturate, all’elezione diretta del presidente della Repubblica, agli incentivi per le famiglie numerose, al divieto di nuove sale giochi e slot machine, all’obbligatorietà delle primarie e alla riapertura delle case chiuse.

(qui il video  )

Primarie Fratelli d’Italia Lucca , Marco Santi Guerrieri e’ il candidato ufficiale dei circoli lucchesi

Fratelli d’Italia Lucca  , Primarie  , i circoli di Lucca e della piana di Lucca, hanno votato per la candidatura di Marco Santi Guerrieri .

marco 103

scheda elettorale littlePRIMARIE FRATELLI D’ITALIA-AN  LUCCA 22-23 FEBBRAIO 2014

Vota la mia squadra
Guerrieri Giannecchini Lucatelli 

 

 

Stampa il promemoria  fac-simile (qui)

Stampa promemoria  Seggi            (qui)
Vai alla mappa dei seggi                      (qui) 
( ai seggi e’ possibile in quanto legale che sarai avvicinato da altri  iscritti alle primarie ,  congedati da loro cordialmente  ed esprimi le tue preferenze come ti abbiamo indicato nel promemoria )

Favorita la candidatura della ” tripletta”  lucchese
Marco Santi Guerrieri , Rossella Giannecchini , Lorenzo Lucatelli  .
Si raccomanda  di votare sulla scheda tutti e tre i nomi dei candidati.
per informazioni chiama il 338 9147423 ,  qui altre info sulle primarie.

Seggio di Lucca Citta’ :
HOTEL  EUROSTARS  , viale EUROPA 1135  LUCCA
(uscita autostrada Lucca centro area Mc.Donald )
Orario di apertura del seggio,  Sabato  e  Domenica dalle 9 alle 18

20140219_101105

Seggio di Capannori in via Paolinelli 6 ,  Marlia  ( di fronte alla chiesa ) ( domenica aperto 09-18.00  )
Le primarie sono  aperte a tutti , contiamo su tutti gli amici , tesserati e non.

Altri seggi in apertura confermati ed attivi , vai alla pagina 

Seguici su Fratelli d’Italia – AN  pagina ufficiale  clicca qui

Altre pagine
Fratelli d’Italia Lucca , qui
Fratelli d’Italia Capannori , qui,
Fratelli d’Italia Garfagnana , qui
Fratelli d’Italia Lucca e provincia , qui

Altri seggi sul territorio della provincia di Lucca saranno pubblicati nella giornata di domani 21 di febbraio appena  le ” location”  ufficialmente confermate.

 

Maria Pia Betolucci, primarie PD “dopo tanto battage mediatico mi aspettavo piu’ partecipazione”

m.p.bertolucci la naz. 11.02Nel leggere l’articolo apparso quest’oggi sulla nazione , Marco Santi Guerrieri  ( cost.Prov.Fratelli d’Italia Lucca ) dichiara:                                          “E’ impossibile  trattenersi dal sorridere  circa  il  dispiegamento di forze  al limite del ridicolo con cui Luca Menesini ha partecipato alle primarie del PD  per Capannori . Gli avversari non erano cosi’ temibili e forse una maggiore  sobrieta’ sarebbe stata piu’ auspicabile .”                                                 marco 103Soddisfatto invece  di come si sono messe le cose a Capannori per la coalizione di Centro Destra  commenta a caldo  “non posso che pienamente convenire con quanto asserito dalla Maria Pia Bertolucci sull’articolo apparso quest’oggi sulla Nazione ” Ha ragione  a considerarsi pienamente soddisfatta nel valutare quanto accaduto nel centrodestra capannorese . Mai vista una cosi’ solida coalizione spinta sin da subito verso un candidato attendibile e di alto valore morale.”
 

Carnevale di Viareggio e ” buttafuori” esclusi.

MASSIMO STAMPA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Da una nota postata dal nostro  Massimo Baldini, portavoce del circolo di Viareggio L’italia che Vorrei .
Dopo le dichiarazioni degli ex assessori su poteri forti, occulti ce girano all’interno di questa giunta , mi domando se spadroneggiano anche nelle partecipate e FONDAZIONI finite sotto la gestione della stessa amministrazione . Dato questo evento e in virtù di quanto stiamo vivendo con la Fondazione Carnevale, riteniamo opportuno fare altri passi . Presenteremo formalmente una richiesta d’intervento da parte della Procura della Repubblica azione volta a scongiurare che vi siano analoghe situazioni anche dentro la Fondazione .

Viareggio 09. di Febbraio 2013 

Vai al link originale qui

Fratelli d’italia – AN ,contro l’abolizione del reato di clandestinità online petizione ma pronti a referendum

AN1Abolizione del reato di clandestinità, tre svuota carceri in meno di un anno, svendita della Banca d’Italia e dell’oro del popolo italiano, difesa delle pensioni d’oro e dei privilegi della casta, regali ultramiliardari alle banche e alle società delle slot machine: ecco perché Fratelli d’Italia non potrà mai stare al governo con la sinistra e sostenere l’Esecutivo Letta. Siamo altra cosa rispetto alla sinistra che continua a portare avanti battaglie ideologiche che non risolvono nessun problema degli italiani. E siamo altra cosa anche da chi si dice di centrodestra ma poi vota questi provvedimenti solo per conservare la poltrona. Ormai quotidianamente la maggioranza infrange a colpi di fiducia ogni regola democratica annullando dibattito e confronto. Tuttavia Fratelli d’Italia continuerà a schierarsi dalla parte del popolo italiano: scenderemo in piazza per impedire la cancellazione del reato di immigrazione clandestina e siamo pronti ad avviare una raccolta firme per chiedere l’indizione di un referendum. Attraverso il nostro sito ufficiale www.fratelli-italia.it è già possibile sottoscrivere la petizione popolare, che si aggiunge a quelle già da tempo avviate contro la vergogna delle pensioni d’oro e contro indulto e amnistia.

Vai al link originale ” qui”

FRATELLI D’ITALIA ADERISCE AL CORTEO ORGANIZZATO DA CASAGGÌ FIRENZE E DAGLI ALTRI MOVIMENTI NELLA ROCCAFORTE DI RENZI E DELLA SINISTRA.

corteo 15.3

 Fratelli d’Italia aderisce al corteo organizzato da Casaggì Firenze e dagli altri movimenti nella roccaforte di Renzi e della sinistra. Una mobilitazione di Popolo per una marcia tricolore che sottolinei l’importanza della sovranità nazionale, del ricordo dei martiri infoibati e degli eroi che hanno fatto l’Italia. Contro chi specula sulla nostra pelle, svende le nostre banche, svuota le nostre tasche e offende la nostra storia. sabato 15 MARZO tutti in piazza a Firenze per un grande CORTEO TRICOLORE: ritrovo ore 15 in Piazza Savonarola. Con ospiti nazionali, tanti movimenti e una sola bandiera: il tricolore italiano!
————————————

LA PIATTAFORMA DEL CORTEO:Come ogni anno la destra fiorentina, composta di tutte le sue anime e unita dal tricolore, sarà in piazza nella settimana della ricorrenza dell’UNITA’ D’ITALIA. Ci saremo per ricordare i MARTIRI DELLE FOIBE: migliaia di innocenti trucidati e dimenticati dall’odio comunista perché italiani. Manterremo viva la loro memoria e, partendo da quel sacrificio, lanceremo un messaggio al paese e torneremo a parlare del FUTURO DELLA NOSTRA NAZIONE.E’ necessario tornare a presidiare le strade in un momento di crisi. Crediamo che occorra ribadire con forza l’importanza della nostra IDENTITA’ DI POPOLO E DI NAZIONE: occorre farlo adesso, prima che sia troppo tardi. Qui e ora, perché stiamo subendo i colpi della speculazione finanziaria che sta divorando la nostra SOVRANITA’ MONETARIA; perché stiamo accusando l’assenza di un governo eletto e abbiamo perso la nostra SOVRANITA’ POLITICA; perché stanno smantellando la nostra SOVRANITA’ CULTURALE per lasciare il posto a modelli multietnici che non ci appartengono; perché hanno minato le basi della GIUSTIZIA SOCIALE anteponendo il profitto alla solidarietà e la massa informe alla comunità; perché stanno uccidendo il FUTURO DEI NOSTRI FIGLI rendendolo precario, fiscalizzato, privatizzato e omologato.Essere in piazza, il 15 MARZO, è un dovere etico: significa accendere una fiaccola e illuminare il buio di questo tempo. Significa riaccendere simbolicamente la fiamma dei valori che hanno animato la nostra Civiltà. Esserci: per ricordare e costruire, per continuare a sperare, per riconquistare quello che ci spetta. Con noi, assieme ai tanti ospiti nazionali che interverranno, ci saranno tutti i movimenti politici del territorio che difendono l’identità di questo paese e hanno a cuore il suo futuro. Non ci saranno simboli di partito, ma solo vessilli tricolore: perché non ci interessa il destino di una parte, ma quello di un Popolo.
GRANDE CORTEO TRICOLORE
SABATO 15 MARZO ORE 15
PIAZZA SAVONAROLA – FIRENZE
CON OSPITI NAZIONALI E TUTTI I MOVIMENTIPer info da Lucca , Marco Santi Guerrieri 
Vai al link originale qui

Foibe, Cristicchi ai suoi contestatori: avreste il coraggio di guardare in faccia gli esuli?

Foibe, Cristicchi ai suoi contestatori: avreste il coraggio di guardare in faccia gli esuli?Per il video clicca qui                                                                                                    Chiede «il rispetto doveroso nei confronti degli esuli, delle loro famiglie e del dolore di un’umanità trafitta dalla Storia». E rivela che c’è, addirittura, «chi vorrebbe processarmi su questa pagina, armati di dossier, come fossero agenti dell’Ozna, come ama definirsi una certa impiegata Cernigoi». Dalla sua pagina Facebook divenuta, in questi giorni, una specie di ring virtuale, anzi,  un «ricettacolo di nostalgici», Simone Cristicchi, l’artista che sta portando in giro per l’Italia la tragedia sull’esodo istriano del ’47 e il terribile dramma delle Foibe con lo spettacolo “Magazzino 18″, si ribella alle contestazioni dei centri Sociali e dei gruppi antifascisti al teatro Aurora di Scandicci: «Surreale – scrive l’artista – che io debba dare delle spiegazioni a della gente che nemmeno ha avuto il buongusto di vedere lo spettacolo. Facile prendersela con me. Perché non provate a porre le vostre rimostranze direttamente agli esuli istriani fiumani e dalmati? Avreste il coraggio di guardarli in faccia?».

Una contestazione, quella dei Centri Sociali, che non ha indotto il segretario del Pd e sindaco di Firenze, Renzi, a prendere le distanze: «Renzi – osserva il leader della Destra, Francesco Storace – governa Firenze ma non pronuncia una sola parola di solidarietà a Simone Cristicchi, dopo la vergognosa contestazione subita al teatro Aurora di Scandicci, a due passi dalla sua città. Una tragedia nazionale come quella delle foibe e’ rimossa da tutta la sinistra, persino quella cosiddetta nuova. Noi non dimentichiamo e ci chiediamo solo che cosa sarebbe accaduto a parti rovesciate…».
Gli fa eco la parlamentare di Forza Italia, Sandra Savino: «E’ sconfortante assistere nel 2014 a scene di intolleranza come quelle viste a Firenze. Un atto di arroganza intollerabile quello di occupare uno spazio, come un teatro, per manifestare contro un musical civile che ha riscosso un consenso trasversale per la sua obiettività e per il suo valore artistico».
Aggiunge Daniele Capezzone: quelle «contestazioni testimoniano che l’Italia è ormai l’ultimo Paese dell’Occidente avanzato nel quale c’è chi, contro ogni oggettività storica, non si rassegna ad accettare l’evidenza dei crimini commessi in nome del comunismo. Se non si può neppure ricordare una tragedia, ed esprimere parole e sentimenti di pietas per le vittime, allora vuol dire che i residui ideologici sono ancora in grado di ottenebrare le menti e avvelenare la vita pubblica del nostro Paese».
Durissima anche la reazione di Antonio Ballarin, presidente dell’Associazione Nazionale Venezia, Giulia e Dalmazia: «la violenza non potrà mai cancellare la Storia. Quello spettacolo dà fastidio, è scomodo, perché tocca la loro carne di perdenti, di quei quattro squadristi con il cervello vuoto. Sono il gruppo dei finti antagonisti, i parassiti della vita e della Storia, senza, però, il blasone dei miserabili».

 Redazione/sab 1 febbraio 2014/20:36

Con la privatizzazione di Bankitalia a rischio l’oro italiano…

scurria_marco01Un ‘interessante intervista al parlamentare europeo Marco Scurria, che racconta le vicende inerenti Bankitalia…

Fratelli d’Italia -An  sta conducendo una battaglia parlamentare, a Roma e a Strasburgo, contro la cosiddetta privatizzazione della Banca d’Italia che permetterebbe alle grandi banche straniere di impossessarsene. Marco Scurria, eurodeputato di FdI, è uno di quelli che si è battuto in Europarlamento con più vigore su questo argomento. Noi l’abbiamo intervistato.
In questi giorni si sta chiudendo l’approvazione della legge che privatizza la Banca d’Italia. Cosa cambia rispetto allo status quo?
Il Decreto Legge di Letta e Saccomanni va sostanzialmente a modificare l’assetto dei proprietari della Banca Centrale Italiana, oggi in mano ad una serie di cartelli bancari e finanziari tra cui Intesa San Paolo, Unicredit, BNL e Assicurazioni Generali. Il decreto in questione disposto la rivalutazione delle quote di Bankitalia prevedendone la trasformazione in una public company della banca che una volta era degli italiani. Perché con questa operazione ogni tecnico del mercato finanziario globale potrà acquistare le quote di Bankitalia fino a detenere un massimo del 5% delle azioni. Questo significa, ad esempio, che le varie banche d’affari americane, e non solo, potranno spartirsi insieme ad altri operatori la Banca Centrale Italiana. Per chiarire meglio agli italiani quanto accaduto, vorrei ricordare che il Governo Berlusconi approvò nel 2005 una legge che prevedeva esattamente il contrario: la rinazionalizzazione della Banca d’Italia con il passaggio del 100% delle quote dai privati allo Stato Italiano. Quindi, entro i tre anni successivi all’approvazione della legge, cioè entro dicembre 2008, la proprietà di Bankitalia doveva passare dal cartello di Banche e Istituti finanziari allo Stato. La legge approvata dal Parlamento dall’allora centrodestra non è mai piaciuta ai banchieri italiani, tra cui Saccomanni, e di conseguenza non fu mai resa operativa. In questo contesto s’inserisce anche l’operazione di rivalutazione delle quote di Bankitalia. Perché fino al decreto legge di Letta e Saccomanni, il capitale era di appena 156.000 euro, cifra stabilita dalla legge bancaria del 1936. Con il Dl del Governo si è deciso in forza di legge che il valore della BdI sale magicamente a 7 miliardi di Euro, che andranno a gonfiare le tasche dei soliti noti istituti di credito.
C’è il rischio reale che l’oro di Bankitalia vada in mani straniere? Quali risposte da Europa e Governo?
Mentre la Bundesbank si appresta a rimpatriare quasi 700 tonnellate di lingotti d’oro, dagli Usa e dalla Francia, l’Italia rischia di cedere 2.500 tonnellate d’oro, pari a 110 mld di euro a chi comprerà la Banca d’Italia. Dai tempi di Bretton Woods la nostra riserva aurea si è trasformata in un ‘salvadanaio’ di proprietà dello Stato che non dovrebbe far altro che garantire e rappresentare i propri cittadini. Siamo il terzo paese al mondo per consistenza di riserva aurea dopo gli Stati Uniti e la Germania e non possiamo cedere l’ultima garanzia di ricchezza della nostra Nazione alle banche azioniste di Palazzo Koch. Per evitare quest’ulteriore esproprio, Fratelli d’Italia ha chiesto con forza nei giorni scorsi al governo Letta, di difendere l’interesse nazionale, ribadendo che la proprietà della riserva aurea resti nelle mani degli italiani, oltre ad adottare iniziative affinché siano fatte rientrare nel territorio nazionale entro 12 mesi dalla conversione del decreto legge, le riserve auree italiane che si trovano ancora all’estero.
In che gruppo europeo FdI si vorrà collocare dopo le prossime elezioni?
Sicuramente alle prossime elezioni europee presenteremo una nostra lista con i nostri simboli ma per ora continuiamo a lavorare nel gruppo Ppe. Sarà il congresso nazionale che si svolgerà nel mese di marzo a decidere se restare o no nel Partito Popolare europeo. Non ho la presunzione di decidere per gli altri e dunque non posso anticipare nulla. Faremo il primo congresso per le primarie nella storia del centrodestra italiano perché crediamo che debbano essere i nostri militanti e rappresentanti a dover prendere decisioni in merito al futuro di Fdi, in Italia e in Europa.

SONDAGGIO EUROMEDIA:FRATELLI D’ITALIA-AN,DAI PRIMI DI GENNAIO 2014 ARRETRA ,”LA DESTRA”QUASI DIMEZZATO IL CONSENSO.

sondaggio euromedia gennaio

Nessuna coalizione raggiungerebbe le soglie per il premio di maggioranza.

Rispetto ai precedenti sondaggi il presente pone le sue proiezioni circa il pubblico intervistato come un elettore attivo che si appresta a votare fisicamente.
Rispetto al precedente sondaggio , qui , le variazioni di voto sono piu’ sensibili in quanto la domanda posta al pubblico attivo e’ diretta: per chi voti?
Dopo l’impennata dei primi di Gennaio 2014 , anche Fratelli d’Italia ora Fdi-An , ha stabilizzato la crescita assestandosi sul  2,2% con una perdita di consenso dello 0,3% da inizio mese. (vedi prec.)
Il resto del centro destra,  frazionato fra ” la destra di Storace ” e gli altri partiti minori  invece perde terreno arretrando dallo 1,5% allo 1% secco
Il clima di incertezza che prevale nelle formazioni di Centrodestra e nella fattispecie Fratelli d’Italia-AN e La Destra di Storace pone l’elettore nella condizione di non aver ben chiaro per chi andrebbe a votare spingendolo a guardare altrove.
Ormai e’ da tempo che Storace non riguadagna quote elettorali capaci  da consentire a “ la Destra” sufficiente autonomia all’interno del centrodestra tradizionale ed e’ imminente il suo ingresso nel contenitore creato dalla  Giorgia Meloni con “ officina per l’italia “.
Sembra in oltre che le frange piu’ estreme della destra oltranzista, addirittura vadano ad accogliere nelle loro fila frazioni di un elettorato deluso proprio proveniente dal centrodestra.

Fratelli d’italia – Alleanza Nazionale per esplicito volere dei nostri maggiori vertici nazionali  piu’ volte ha  aperto le porte a tutte le forze politiche alla ricerca di una rapida intesa soprattutto in vista delle imminenti elezioni amministrative ed europee di Maggio 2014  .

Marco Santi Guerrieri
Cost.provinciale Fratelli d’italia Lucca
www.facebook.com/marco.santi.guerrieri